martedì 20 febbraio 2018

VARIE 18/122



1 -QUANNO QUACCHE AMICO TE VENE A TTRUVÀ, QUACCHE CAZZO LLE VVENE A MANCÀ.
Ad litteram: quando qualche amico ti viene a visitare, qualcosa gli manca (e la vuole da te)Id est: non bisogna mai attendersi gesti di liberalità o affetto; anche quelli che reputiamo amici, sono - in fondo - degli sfruttatori, che ti frequentano solo per carpirti qualcosa.
2 - LL'UOCCHIE SO' FFATTE PE GGUARDÀ, MA 'E MMANE PE TTUCCÀ.
Ad litteram: gli occhi sono fatti per guardare, ma le mani (son fatte) per toccare. Con questo proverbio, a Napoli, sogliono difendere (quasi a mo' di giustificazione) il proprio operato, quelli che - giovani o vecchi che siano - sogliono azzardare palpeggiamenti delle rotondità femminili.
3 - ZAPPA 'E FEMMENA E SURCO 'E VACCA, MALA CHELLA TERRA CA L'ANCAPPA.
Ad litteram:Povera quella terra che sopporta una zappatura operata da una donna ed un solco prodotto dal lavoro di una mucca(invece che di un bue).Proverbio marcatamente maschilista, nato in ambito contadino, nel quale è adombrata la convinzione che il lavoro femmineo, non produce buoni frutti e sia anzi deleterio per la terra.
4 - 'AMICE E VINO ÀNNO 'A ESSERE VIECCHIE!
Ad litteram: gli amici ed il vino (per essere buoni) devono essere di antica data.
5 - 'A MEGLIA VITA È CCHELLA D''E VACCARE PECCHÉ, TUTTA 'A JURNATA, MANEJANO ZIZZE E DDENARE.
Ad litteram: la vita migliore è quella degli allevatori di bovini perché trascorrono l'intera giornata palpando mammelle (per la mungitura delle vacche)e contando il denaro (guadagnato con la vendita dei prodotti caseari); per traslato giocoso (ma non troppo) : la vita migliore è quella che si trascorre tra donne e danaro.
6 - 'O TURCO FATTO CRESTIANO, VO' 'MPALÀ ATUTTE CHILLE CA GHIASTEMMANO.
Ad litteram: il turco diventato cristiano vuole impalare tutti i bestemmiatori. Id est: I neofiti sono spesso troppo zelanti e perciò pericolosissimi.
7 - 'O PATATERNO ADDÓ VEDE 'A CULATA, LLÀ SPANNE 'O SOLE
Ad litteram: il Padreterno dove vede un bucato sciorinato, lí invia il sole. Id est: la bontà e la provvidenza del Cielo sono sempre presenti là dove occorre.
8 - 'O GALANTOMO APPEZZENTÚTO, ADDEVENTA 'NU CHIAVECO.
Ad litteram: il galantuomo che va in miseria, diventa un essere spregevole. In effetti la disincantata osservazione della realtà dimostra che chi perde onori e gloria, diventa il peggior degli uomini giacché si lascia vincere dall'astio e dal livore verso coloro che il suo precedente status gli consentiva di tenere sottomessi e che nella nuova situazione possono permettersi di alzare la testa e contrattare alla pari con lui.
9 -'E FRAVECATURE, CACANO 'NU POCO PE PARTE E NUN PULEZZANO MAJE A NISCIUNU PIZZO.
Ad litteram: i muratori defecano un po' per parte, ma non nettano nessun luogo (che ànno imbrattato). Il proverbio, oltre che nel suo significato letterale è usato a Napoli per condannare l'operato di chi inizi ad occuparsi di cento faccende, ma non ne porti a compimento nessuna, lasciando ovunque le tracce del proprio passaggio.
10 - 'E VRUOCCOLE SO' BBUONE DINTO Ô LIETTO.
Letteralmente: i broccoli sono buoni nel letto. Per intendere il significato del proverbio bisogna rammentare che a Napoli con la parola vruoccole si intendono sia la tipica verdura che per secoli i napoletani mangiarono,tanto da esser ricordati come "mangiafoglie", sia le moine, le carezze che gli innamorati son soliti scambiarsi specie nell'intimità; il proverbio sembra ripudiare ormai la verdura per apprezzare solo i vezzi degli innamorati.
11 - STATTE BBUONO Ê SANTE: È ZUMPATA 'A VACCA 'NCUOLLO Ô VOJO!
Letteralmente: buonanotte ai santi!La vacca à montato il bue. Id est: Accidenti: il mondo sta andando alla rovescia e non v'è rimedio: ci troviamo davanti a situazioni cosí tanto  contrarie alla norma che è impossibile raddrizzarle.
12 - QUANNO 'O VINO È DDOCE, SE FA CCHIÚ FORTE ‘ACITO.
Letteralmente: quando il vino è dolce si muta in un aceto piú forte, piú aspro.Id est: quando una persona è d'indole buona e remissiva e paziente, nel momento che dovesse inalberarsi, diventerebbe cosí cattiva, dura ed impaziente da produrre su i terzi effetti devastanti.
13 - 'O DULORE È DE CHI 'O SENTE, NO 'E CHI PASSA E TÈNE MENTE.
Letteralmente: il dolore è di chi lo avverte, non di coloro che assistono alle manifestazioni del dolente.Id est:per aver esatta contezza di un quid qualsiasi - in ispecie di un dolore - occorre riferirsi a chi prova sulla propria pelle quel dolore, non riferirsi al parere, spesso gratuito e non supportato da alcuna pratica esperienza, degli astanti che - per solito - o si limitano ad una fugace commiserazione del dolente , o - peggio! - affermano che chi si duole lo fa esagerando le ragioni del proprio dolere.
14 - 'O FATTO D''E QUATTE SURDE.
Letteralmente: il racconto dei quattro sordi. Il raccontino che qui di seguito si narra, adombra il dramma della incomunicabilità e la locuzione in epigrafe viene pronunciata a Napoli a sapido commento in una situazione nella quale non ci si riesca a capire alla stregua di quei quattro sordi che viaggiatori del medesimo treno, giunti ad una stazione, così dialogarono: Il primo: Scusate simmo arrivate a Napule? (Scusate, siamo giunti a Napoli?) Il secondo: Nonzignore, cca è Napule!(Nossignore, qua è Napoli!) Il terzo: I' me penzavo ca stevamo a Napule (Io credevo che stessimo a Napoli). Il quarto concluse: Maje pe cumanno, quanno stammo a Napule, m'avvisate? (Per cortesia, quando saremo a Napoli, mi terrete informato?).
15 - A 'NU CETRANGOLO SPREMMUTO, CHIÀVECE 'NU CAUCIO 'A COPPA.
Schiaccia con una pedata una melarancia premuta.Id est: il danno e la beffa; la locuzione cattivissima nel suo enunciato, consiglia di calpestare un frutto già spremuto; ossia bisogna vilipendere e ridurre a mal partito chi sia già vilipeso e sfruttato, per modo che costui non abbia né la forza, nè il tempo di risollevarsi e riprendersi.Il tristo consiglio è dato nel convincimento che se si lascia ad uno sfruttato la maniera o l'occasione di riprendersi, costui si vendicherà in maniera violenta e allora sarà impossibile contrastarlo; per cui conviene infeierire sullo sfruttato e non dargli  quartiere, addirittura ponendoselo sotto i tacchi come un frutto spremuto ed inutile ormai.
16 - CHI VA PE CCHISTI MARE, CHISTI PISCE PIGLIA.
Letteralmente: chi corre questi mari può pescare solo questo tipo di pesce. Id est: chi si sofferma a compiere un tipo di operazione difficile e/o pericolosa, non può che sopportarne le conseguenze, né può attendersi risultati diversi o migliori.
17 -AMMORE, TOSSE E ROGNA NUN SE PONNO ANNASCONNERE.
Amore, tosse e scabbia non si posson celare; le manifestazioni di queste tre situazioni sono cosí eclatanti che nessuno può nasconderle; per quanto ci si ingegni in senso opposto amore, tosse e scabbia saranno sempre palesi; la locuzione è usata sempre che si voglia alludere a situazioni non celabili.
18 -'MPÀRATE A PARLÀ, NO A FATICÀ.
Letteralmente: impara a parlare, non a lavorare. Amaro,sarcastico,  ma ammiccante proverbio napoletano dal quale è facile comprendere la disistima tenuta dai napoletani per tutti coloro che non si guadagnano da vivere con un serio e duro lavoro, ma fondono la propria esistenza sul fumo dell'eloquio, ritenuto però estremamente utile al conseguimento di mezzi di sussistenza, molto piú dell'onesto e duro lavoro (FATICA). In fondo la vita è dei furbi, cioè  di quelli capaci di riempirti la testa di vuote chiacchiere e di non lavorare mai vivendo ugualmente benissimo.
19 -CHI TROPPO S''O SPARAGNA, VENE 'A GATTA E SE LU MAGNA.
Letteralmente: chi troppo risparmia,viene la gatta e lo mangia. Il proverbio- che nella traduzione toscana assume l'aspetto di un anacoluto sta a significare che non conviene eccedere nel risparmiare, perché spesso ciò che è stato risparmiato viene dilapidato da un terzo profittatore che disperde o consuma tutto il messo da parte.
20 - 'A SOTTO P''E CHIANCARELLE.
Letteralmente: attenti ai panconcelli! Esclamazione usata a sapido commento di una narrazione di fatti paurosi o misteriosi un po' piú colorita del toscano: accidenti!Essa esclamazione richiama l'avviso rivolto dagli operai che demoliscono un fabbricato affinché i passanti stiano attenti alle accidentali cadute di panconcelli(chiancarelle)le sottili assi trasversali di legno di castagno, assi che poste di traverso sulle travi portanti facevano, olim,  da supporto ai solai e alle pavimentazione delle stanze.Al proposito a Napoli è noto l'aneddoto relativo al nobile cavaliere settecentesco Ferdinando Sanfelice che fattosi erigere un palazzo nella zona detta della Sanità, vi appose un'epigrafe dittante: “eques Ferdinandus Sanfelicius fecit”(il cav. Ferdinando Sanfelice edificò) ed un bello spirito partenopeo per irridere il Sanfelice paventando il crollo dello stabile, aggiunse a lettere cubitali LEVÀTEVE 'A SOTTO! (toglietevi di sotto! ).
21 - A 'STU NUNNO SULO 'O CÀNTARO È NICESSARIO.
Letteralmente: la sola cosa necessaria a questo mondo è il vaso di comodo. Id est: niente e - soprattutto - nessuno sono veramente necessarii alla buona riuascita dell'esistenza la sola cosa che conta è nutrirsi bene e digerire meglio. In effetti con la parola càntaro - oggetto destinato ad accogliere gli esiti fisiologici - si vuole proprio adombrare la buona salute indicata da una buona digestione, che intanto avviene se si è avuta la possibilità di nutrirsi. Si tenga presente che la parola càntaro non à l'esatto corrispettivo in italiano essendo il pitale(con la quale parola spesso  è reso in italiano) destinato ad accogliere gli esiti prettamente liquidi, mentre il càntaro era destinato ad accogliere quelli solidi.
 càntaro o càntero alto e vasto cilindrico vaso dall’ampia bocca su cui ci si poteva comodamente sedere, atto a contenere le deiezioni solide; etimologicamente la voce càntero o càntaro è dal basso latino càntharu(m) a sua volta dal greco kàntharos; rammenterò ora di non confondere la voce a margine con un’altra voce partenopea cantàro (che è dall’arabo quintâr) diversa per accento tonico e significato: questa seconda infatti è voce usata per indicare una unità di misura: cantàio= quintale ed è a tale misura che si riferisce il detto napoletano: Meglio ‘nu cantàro ‘ncapo ca n’onza ‘nculo ( e cioè: meglio sopportare il peso d’un quintale in testa che (il vilipendio) di un’oncia nel culo (e non occorre spiegare cosa sia l’oncia richiamata…)); molti napoletani sprovveduti e poco informati confondono la faccenda ed usano dire, erroneamente: Meglio ‘nu càntaro ‘ncapo…etc.(e cioè: meglio portare un pitale in testa che un’oncia nel culo!), ma ognuno vede che è incongruo porre in relazione un peso (oncia) con un vaso di comodo (càntaro) piuttosto che con un altro peso (cantàro)!
22 SPARTERSE 'A CAMMISA 'E CRISTO.
Letteralmente: dividersi la tunica di Cristo. Così a Napoli si dice di chi, esoso al massimo, si accanisca a fare proprie porzioni o parti di cose già di per sé esigue, come i quattro soldati che spogliato Cristo sul Golgota , divisero in quattro parti l'unica tunica di cui era ricoperto il Signore.
23 ESSERE AÚRIO 'E CHIAZZA E TRIBBULO 'E CASA.
Letteralmente: aver modi cordiali in piazza e lamentarsi in casa. Cosí a Napoli si suole dire - specie di uomini che in piazza si mostrano divertenti e disposti al colloquio aperto e simpatico, mentre in casa sono musoni e lamentosi dediti al piagnisteo continuo, anche immotivato.
24.QUANNO ‘A GALLINA CANTA, ‘A CASA SE REGNE  TUTTA QUANTA!
Ad litteram: Quando la gallina (in luogo del gallo)canta, la casa si riempie per intero; id est: allorché la moglie prende il posto  del marito,sostituendolo in quelle che sono le sue attribuzioni è probabile che lo sposo sia morto o sia vicino a decedere e  la casa si riempie di visitatori accorsi ad onorare il defunto.
La donna che pretenda di comandare in casa risulta pericolosa o addirittura deleteria per l’uomo di casa.

Brak


VARIE 18/121



1.FÁTRE FFICHE, NOVE RòTELE
Letteralmente: fare con tre fichi nove rotoli. Con l'espressione in epigrafe, a Napoli si è soliti bollare i comportamenti o - meglio - il vaniloquio di chi esagera con le parole e si ammanta di meriti che non possiede, né può possedere. Per intendere appieno la valenza della locuzione occorre sapere che il rotolo era una unità di peso del Regno delle Due Sicilie e corrispondeva in Sicilia a gr.790 mentre a Napoli e suo circondario,ad 890 grammi per cui nove rotole corrispondevano a Napoli a circa 8 kg. ed è impossibile che tre fichi (frutto, non albero) possano arrivare a pesare 8 kg. Per curiosità storica rammentiamo che il rotolo, come unità di peso, è in uso ancora oggi a Malta che, prima di divenire colonia inglese, apparteneva al Regno delle Due Sicilie. Ancora ricordiamo che il rotolo deriva la sua origine dalla misura araba RATE,trasformazione a sua volta della parola greca LITRA, che originariamente indicava sia una misura monetaria che di peso; la LITRA divenne poi in epoca romana LIBRA (libbra)che vive ancora in Inghilterra col nome di pound che indica sia la moneta che un peso e come tale corrisponde a circa 453,6 grammi, pressappoco la metà dell'antico rotolo napoletano.
2. 'A DISGRAZZIA D''O 'MBRELLO È CQUANNO CHIOVE FINU FINO.
Letteralmente: la malasorte dell'ombrello è quando pioviggina lentamente. Va da sè che l'ombrello corre i maggiori rischi di rompersi allorché debba essere aperto e chiuso continuamente, non quando debba sopportare un unico, sia pure violento, scroscio temporalesco; cosí l'uomo(che nel proverbio è adombrato sotto il termine di 'mbrello) soffre di piú nel sopportare continuate piccole prove che non un solo , anche se pesante danno.

3.'A PECORA S'À DDA TUSÁ, NUN S'À DDA SCURTECÁ
Letteralmente: la pecora va tosata, ma non scorticata. Id est: est modus in rebus: non bisogna mai esagerare; nel caso : è giusto che una pecora venga tosata, non è corretto però scarnificarla; come è giusto pagare i tributi, ma questi non devono essere esosi.

4.DICETTE NUNZIATA: CE PONNO CCHIÚ LL'UOCCHIE CA 'E SCUPPETTATE!
Letteralmente: Disse Nunziata: Ànno piú potenza gli occhi (il malocchio) che le schioppettate.Il napoletano teme piú il danno che gli possa derivare dagli sguardi malevoli di taluno, che il danno che possono arrecargli colpi di fucile: dalle ferite da arma da fuoco si può guarire, piú difficile sfuggire alla jettatura.
5.A NNOTTE SE 'NZURAJE CATIELLO.
Letteralmente: Catello (inguaribile scapolo) prese moglie di notte. La locuzione fotografa una situazione che in italiano è resa con: MEGLIO TARDI CHE MAI, il Catello, infatti procrastinò tanto il suo matrimonio che quando fu celebrato era oramai notte. Nella locuzione partenopea si tenga presente la geminazione iniziale della lettera N nella parola notte che lascia capire che la A iniziale non è l'articolo femminile ('A) ma una preposizione che introduce un concetto temporale reso con la doppia N di notte; se la A fosse stato un articolo la successiva parola notte sarebbe stata scritta in maniera scempia con una sola N.
6.'E MACCARUNE SE MAGNANO TENIÉNTE, TENIÉNTE.
Letteralmente: i maccheroni vanno mangiati molto al dente. La locuzione a Napoli oltre a compendiare un consiglio gastronomico ineludibile, viene usata anche per significare che gli affari devono esser conclusi sollecitamente, senza por troppe remore in mezzo.
7.QUANNO SIENTE 'O LLATINO DÊ FESSE, È SIGNO 'E MAL' ANNATA.
Letteralmente: quando senti che gli sciocchi parlano latino, è segno di un cattivo periodo.Id est: l'ostentazione di cultura da parte degli stupidi ed ignoranti, prelude a tempi brutti, per cui son da temere gli sciocchi che si paludano da sapienti...
8.Pare 'o sorice 'nfuso 'a ll'uoglio.
Letteralmente: sembra un topolino bagnato da l'olio. La locuzione viene usata a Napoli nei confronti di taluni bellimbusti che vanno in giro tirati a lucido ed impomatati che in napoletantano suona: alliffati (dal greco aleipàr=olio); tali soggetti vengon paragonati ad un topolino che per ventura sia cascato nell'orcio dell'olio e ne sia riemerso completamente unto e luccicante.
9.’A CARNE SE JETTA E 'E CANE S'ARRAGGIANO.
Letteralmente: la carne si butta ed i cani s'arrabbiano. Id est: c'è abbondanza di carne, ma mancanza di danaro per acquistarla e ciò determina profonda rabbia in chi, non avendo pecunia, non può approfittare dell'abbondanza delle merci. Per traslato, il proverbio è usato in tutte le situazioni in cui una qualsiasi forma di indigenza è ostativa al raggiungimento di un fine che parrebbe invece a portata di mano; ciò vale anche nei rapporti tra i due sessi: per es. allorchè la donna si offra apertamente e l'uomo non abbia il coraggio di cogliere l'occasione; un terzo - spettatore, magari concupiscente, commenta la situazione con le parole in epigrafe.
10.'A VECCHIA Ê TRENTA 'AUSTO, METTETTE 'O TRAPANATURO Ô FFUOCO.
Letteralmente: la vecchia ai trenta d'agosto (per riscaldarsi) mise nel fuoco l'aspo. Il proverbio viene usato a mo' di avvertenza, soprattutto nei confronti dei giovani o di chi si atteggi a giovane, che si lasciano cogliere impreparati alle prime avvisaglie dei freddi autunnali che già si avvertano sul finire del mese di agosto, freddi che - come dice l'esperienza - possono essere perniciosi al punto da indurre i piú esperti (la vecchia) ad usare come combustibile persino un utile oggetto come un aspo, l'arnese usato per ammatassare la lana filata. Per estensione, il proverbio si usa con lo stesso fine di ammonimento, nei confronti di chiunque si lasci cogliere impreparato non temendo un possibile inatteso rivolgimento di fortuna - quale è il freddo in un mese ritenuto caldo.
11.JÍ ZUMPANNO ASTECHE E LAVATORE.
Letteralmente: andar saltando per terrazzi e lavatoi. Id est: darsi al buon tempo, trascorrendo la giornata senza far nulla di costruttivo, ma solo bighellonando in ogni direzione: a dritta e a manca, in alto (asteche=lastrici solai,terrazzi) ed in basso (i lavatoi erano olim ubicati in basso - per favorire lo scorrere delle acque - presso sorgenti di acque o approntate fontane, mentre l'asteche, ubicati alla sommità delle case,erano i luoghi deputati ad accogliere i panni lavati per poterli acconciamente sciorinare al sole ed al vento, per farli asciugare.
12.PARE CA MO TE VECO VESTUTO 'A URZO.
Letteralmente: Sembra che ora ti vedrò vestito da orso. Locuzione da intendersi in senso ironico e perciò antifrastico. Id est: Mai ti potrò vedere vestito della pelle dell'orso, giacché tu non ài nè la forza, nè la capacità fisica e/o morale di ammazzare un orso e vestirti della sua pelle. La frase viene usata a commento delle azioni iniziate da chi sia ritenuto inetto al punto da non poter portare al termine ciò che intraprende.
13.'O CUCCHIERE 'E PIAZZA: TE PIGLIA CU 'O 'CCELLENZA E TTE LASSA CU 'O CHI T'È MMUORTO.
Letteralmente: il vetturino da nolo: ti accoglie con l'eccellenza e ti congeda bestemmiandoti i morti.Il motto compendia una situazione nella quale chi vuole ottenere qualcosa, in principio si profonde in ossequi e salamelecchi esagerati ed alla fine sfoga il proprio livore represso, come i vetturini di nolo adusi a mille querimonie per attirare i clienti, ma poi - a fine corsa - pronti a riversare sul medesimo cliente immani contumelie, in ispecie allorché il cliente nello smontare dalla carrozza questioni sul prezzo della corsa, o - peggio ancora - non lasci al vetturino una congrua mancia.
14.JÍ CASCIA E TTURNÁ BAUGLIO OPPURE JÍ STOCCO E TTURNÁ BACCALÀ.
Letteralmente: andar cassa e tornare baúle oppure andare stoccafisso e tornare baccalà. Id est: non trarre profitto alcuno o dallo studio intrapreso o dall'apprendimento di un mestiere, come chi inizi l'apprendimento essendo una cassa e lo termini da baúle ossia non muti la sua intima essenza di vacuo contenitore, o - per fare altro esempio - come chi inizi uno studio essendo dello stoccafisso e lo termini diventando baccalà, diverso in forma, ma sostanzialmente restando un immutato merluzzo. Con il proverbio in epigrafe, a Napoli, si è soliti commentare le maldestre applicazioni di chi non trae profitto da ciò che tenta di fare, perchè vi si applica maldestramente o con cattiva volontà.
15.TU MUSCIO-MUSCIO SIENTE E FRUSTA LLA, NO!
Letteralmente: Tu senti il richiamo(l'invito)e l'allontanamento no. Il proverbio si riferisce a quelle persone che dalla vita si attendono solo fatti o gesti favorevoli e fanno le viste di rifiutare quelli sfavorevoli comportandosi come gatti che accorrono al richiamo per ricevere il cibo, ma scacciati, non vogliono allontanarsi; comportamento tipicamente fanciullesco che rifiuta di accettare il fatto che la vita è una continua alternanza di dolce ed amaro e tutto deve essere accettato, il termine frusta llà discende dal greco froutà-froutà col medesimo significato di :allontanati, sparisci.
16.'E DENARE SO' COMM'Ê CHIATTILLE: S'ATTACCANO Ê CUGLIUNE.
Letteralmente: i soldi son come le piattole: si attaccano ai testicoli. Nel crudo, ma espressivo adagio partenopeo il termine cugliune viene usato per intendere propriamente i testicoli, e per traslato, gli sciocchi e sprovveduti cioé quelli che annettono cosí tanta importanza al danaro da legarvisi saldamente.
17.HÊ 'A MURÍ RUSECATO DÊ ZZOCCOLE I 'O PRIMMO MUORZO TE LL'À DA DÁ MÀMMETA
Che possa morire rosicchiato dai grossi topi di fogna ed il primo morso lo devi avere da tua madre. Icastica maledizione partenopea giocata sulla doppia valenza del termine zoccola (dal lat. sorcula) che, a Napoli, identifica sia il topo di fogna che la donna di malaffare
18.MA TE FOSSE JUTO 'O LLICCESE 'NCAPO?
Letteralmente: ma ti fosse andato il leccese in testa? Id est: fossi impazzito? Avessi perso l'uso della ragione? Icastica espressione che, a Napoli, viene usata nei confronti di chi, senza motivo, si comporti irrazionalmente. Il leccese dell'espressione non è - chiaramente - un abitante di Lecce, ma un tipo di famoso tabacco da fiuto, prodotto, temporibus illis, nei pressi del capoluogo pugliese; l'espressione paventa il fatto che il tabacco fiutato possa- non si sa bene come - aver raggiunto, attraverso le coani nasali il cervello e leso cosí le facoltà raziocinanti del... fiutatore.
Brak

VARIE 18/120



1.‘ A PRIMMA SCHIAVUTTELLA, ‘A SICONNA SIGNURINELLA
Letteralmente: La prima (considerata) serva, la seconda (considerata) signorinella, cioè padroncina. Locuzione usata per sottolineare l’ingiusto comportamento di chi (soprattutto genitore) usi due pesi e due misure nei confronti dei proprî sottoposti (piú spesso) figlioli, considerandone uno alla stregua di servo/a ed un altro/a alla stregua di padroncino/a meritevole d’essere esentato da ogni lavoro, e d’essere anzi addirittura fatto oggetto di riverenza,ossequio,riguardo;
schiavuttella s.vo f.le diminutivo (cfr. il suff. ella) di schiavotta = serva, ragazza di servizio; ragazza di carnagione scura; voce denominale di schiavo dal lat. mediev. sclavu(m), slavu(m), propr. '(prigioniero di guerra) slavo'; semanticamente da riferirsi al fatto che gli schiavi erano spesso in genere di carnagione scura; da sottolineare che nell’espressione in esame esiste il voluto contrasto tra una ragazza di carnagione scura intesa perciò serva, ragazza di servizio ed una ragazza probabilmente di incarnato chiaro intesa perciò piú delicata, garbata, educata, sensibile, signorile insomma piú padrona, che serva!


2.ADDÓ VAJE CU ‘O SCIARABBALLO, DICETTE ‘O CICENIELLO ‘NFACCI’ Ô SCUNCIGLIO.
Letteralmente: Disse l’avannotto al murice: Dove vai con il (tuo)carretto?! Espressione usata per contestare al prepotente la sua azione fatta di sopraffazione, abuso, sopruso, angheria, ingiustizia, violenza e rammentargli che neppure all’arrogante è consentito eccedere ad libitum nel suo improprio vessatorio comportamento, senza aspettarsi una reazione (per piccola che sia) da parte del vessato tanto è vero che persino il piccolissimo avannotto redarguí lo spinoso murice (che intendeva, con la sua mole, sottrargli spazio vitale...);
addó/aró = cong. ed avverbio di luogo che usato genericamente vale dove oppure mentre, invece (con valore avversativo);  usato nelle interrogative vale dove, in quale luogo? usato nelle esclamative vale proprio là dove! ; etimologicamente da un latino de ubi con successivo rafforzamento popolare attraverso un ad del de d’avvio;
la forma aró con rotacizzazione osco-mediterranea della l'occlusiva dentale sonora (d) e passaggio a scempia dell’originaria doppia ( derivante dall’ ad+de), è forma popolare del parlato, mentre la forma addó è d’uso letterario;
vaje voce verbale (2ª persona sg. ind. pr.) dell’infinito jí (dal lat. ire) mentre per le forme a margine dell’ind. presente ci si serve del basso latino *vadere/vadicare (con sincope dell’intera sillaba de/di) e si ottiene : i’ vaco,tu vaje, isso va, mentre per 1ª e 2ª pers. pl. si usa il tema di ji –re e si ànno nuje jammo, vuje jate per tornare a *va(di)c-are per la 3ª ps. pl che è lloro vanno.
cu  preposizione semplice che corrisponde all’italiano con in tutte le sue funzioni ed accezioni : 1) esprime relazione di compagnia, se è seguito da un nome che indica essere animato (può essere rafforzato da insieme): è partito cu ‘o pato ; à magnato cu  ll’ amice; campa  (‘nzieme) cu ‘a sora; 2) in senso piú generico, introduce il termine cui si riferisce una qualsiasi relazione: s’è appiccecato cu ‘o frato; à sfugato cu mme; 3) con valore propriamente modale: restà cu ll’uocchie nchiuse; vulé bbene cu  tutto ‘o  cuore; trattà cu ‘e guante gialle( cioè con rispetto e dedizione quelli dovuti ai nobili che usavano indossare guanti di camoscio in tinta chiara) | con valore tra modale e di qualità: pasta cu ‘e  ssarde; stanza cu ‘o bbagno; casa cu ‘o ciardino; 4) introduce una determinazione di mezzo o di strumento: cu ‘a  bbona vulontà s’ave tutto; ‘o vino se fa cu ll'uva; scrivere cu ‘a penna stilografica; partí cu ‘o  treno ;
5) indica una circostanza, stabilendo un rapporto di concomitanza: nun ascí cu ll’acqua!; 6) può avere valore concessivo o avversativo, assumendo il significato di 'non ostante,a malgrado': cu tutte ‘e guaje ca tène, riesce ancòra a ridere; cu tutta ‘a bbona vulontà, ma  è proprio impossibbile. L’etimo della preposizione a margine è dal lat. cum. Faccio notare  che questo cu  comporta sempre per assimilazione regressiva il raddoppiamento dell’iniziale consonante scempia della parola successiva;  es.: cu(-m) te→cu tte = “con te” -  cu(-m) piacere→cu ppiacere; ovviamente ciò non vale quando la parola che segue il cu sia già provvista di suo di una doppia consonante; es.: cu(-m) stanchezza etc.
Rammento qui e valga anche a futura memoria che tutte le parole che abbiano un etimo da voce latina terminante per consonante (che nella parola formata cade) non necessitano di alcun segno diacritico in quanto il segno diacritico dell’apocope (accento o apostrofo) è necessario apporlo graficamente quando a cadere sia una sillaba e non una o due consonanti; nel caso in esame cum cu  e non l’inesatto cu’ che spesso mi è occorso di trovare negli scritti anche di famosi autori,  sedicenti  esperti della parlata napoletana.
sciarabballo s.vo m.le = carro rustico aperto con sedili per trasporto di passeggieri, usato soprattutto in provincia in sostituzione delle carrozze (vetture passeggieri riparate da un soffitto e da cortine di stoffa) ; qui iperbolicamente riferito alla grossa spinosa conchiglia del murice ; voce dal fr. char a bancs ;
‘nfacci’ ô locuzione prepositiva articolata: ad litteram in faccia ad il/lo ma piú in breve al. Al proposito rammento che nel napoletano, cosí come nell’italiano, le locuzioni articolate formate con preposizioni improprie ànno tutte una forma scissa, mantenendo separati gli articoli dalle preposizioni e mentre nell’italiano s’usa far seguire alla preposizione impropria il solo articolo, nel napoletano occorre aggiungere alla preposizione impropria non il solo articolo, ma la preposizione articolata formata con la preposizione semplice a ( ad es. nell’italiano si à: sotto il tavolo, ma nel napoletano si esige sotto al tavolo e ciò per riprodurre correttamente il pensiero di chi mentalmente articola in napoletano e non in italiano). Tanto premesso annoto altresí che mentre in italiano la gran parte delle preposizioni articolate formate dall’unione degli articoli sg. e pl. con le preposizioni semplici, ànno una forma agglutinata, nel napoletano ciò non avviene che per una o due preposizioni semplici, tutte le altre si rendono con la forma scissa mantenendo cioè separati gli articoli dalle preposizioni.
Passiamo ad elencare dunque le preposizioni articolate cosí come rese in italiano e poi in napoletano:
con la preposizione a in italiano si ànno al = a+il, allo/a= a+lo/la alle = a+ le agli = a+ gli (ma è bruttissimo e personalmente non l’uso mai preferendogli la forma scissa a gli!) in napoletano si ànno le medesime preposizioni articolate formate dall’unione degli articoli ‘o (lo/il), ‘a (la) ‘e (i/gli/le) con la preposizione a, unione che produce una preposizione articolata di tipo agglutinata resa graficamente con particolari forme contratte (crasi): â = a+ ‘a (a+ la), ô = a + ‘o (a+ il/lo), ê = a + ‘e (a + i/gli oppure a+ le);
con la preposizione di in italiano si ànno del = di+il, dello/a= di+lo/la delle = di+ le, degli = di+ gli; in napoletano le analoghe preposizioni formate dagli articoli ‘o (lo/il), ‘a (la) ‘e (i/gli/le) con la preposizione de (=di), produce una preposizione articolata di forma rigorosamente scissa o tutt’al piú apostrofata: de ‘o→d’’o, de ‘a→d’’a, de ‘e→d’’e; con la preposizione da in italiano si ànno dal = da+il, dallo/a= da+lo/la dalle = da+ le, dagli = di+ gli; in napoletano le analoghe preposizioni formate dagli articoli ‘o (lo/il), ‘a (la) ‘e (i/gli/le) con la preposizione da talora anche ‘a (=da), produce una preposizione articolata di forma normalmente scissa e spessa apostrofata: da ‘o→d’’o, da ‘a→d’’a, da ‘e→d’’e ma come ognuno vede la forma apostrofata (quantunque usatissima) presta il fianco alla confusione con le preposizioni articolate formate con la preposizione de (=di), e d’acchito è impossibile distinguere tra de ‘o→d’’o, de ‘a→d’’a, de ‘e→d’’e e da ‘o→d’’o, da ‘a→d’’a, da ‘e→d’’e e bisogna far ricorso al contesto per chiarirsi le idee; ò dunque proposto d’usare una forma affatto diversa per le preposizione napoletane da + ‘o→dô = dal, da+ ‘a→dâ = dalla, da+ ‘e→dê = dagli/dalle, forma che eliminando l’apostrofo e facendo ricorso alla medesima contrazione  (crasi) usata per le preposizioni articolate formate con la preposizione a consente di evitare la deprecabile confusione cui accennavo precedentemente. . Rammento che nel napoletano è usata spessissimo una locuzione articolata che con riferimento il moto a luogo rende i dal/dallo – dalla – dalle – dagli dell’italiano ; essa è (la trascrivo cosí come s’usa generalmente fare,ma a mio avviso erroneamente in quanto non ricostruibile nei suoi elementi costitutivi) essa è add’’o/add’’a/add’ ‘e es.: è gghiuto add’ ‘o zio(è andato dallo zio) è gghiuta add’ ‘a nonna, add’ ‘e pariente (è andata dalla nonna, dai parenti);; francamente non si capisce da cosa sia generato quel add’ né si comprenderebbe il motivo dell’agglutinazione della preposizione a con la successiva da→dd’; a mio avviso è piú corretta e qui la propugno: a ddô/ a ddâ/ a ddê per cui sempre ad es. avremo: è gghiuto a ddô zio(è andato dallo zio) è gghiuta a ddâ nonna, a ddê pariente (è andata dalla nonna, dai parenti);; rammento tuttavia di non confondere
a ddô con l’omofono addó←addo(ve) = dove, laddove che è un avverbio e cong. subord. che introduce proposizioni avversative, relative, interrogative dirette ed indirette.
Nel nostro caso la locuzione prepositiva è formata da un sostativo (faccia) con protesi agglutinata di un in→’n (illativo) sino ad ottenere un ‘nfaccia che unito alle crasi â = a+ ‘a (a+ la), ô = a + ‘o (a+ il/lo), ê = a + ‘e (a + i/gli oppure a+ le) dà volta a volta ‘nfacci’ ô, ‘nfacci’ â‘nfacci’ ê e cioè in faccia al/allo oppure soltanto asl/allo, oppure in faccia alla oppure soltanto alla, oppure in faccia alle/ a gli.

scunciglio/sconciglio. s.vo m.le in primis disordine, guasto, confusione ; per traslato uomo piccolo e deforme ed infine come nel caso che ci occupa voce regionale campana usata per indicare il murice, mollusco gasteropodo marino con grossa conchiglia spinosa avvolta a spira, da cui gli antichi estraevano la porpora. Etimologicamente deverbale di sconciglià/scunciglià = confondere,disordinare (dal lat. ex-conciliare→sconciliare→sconciglià/scunciglià).Il collegamento semantico tra il verbo ed il s.vo inteso murice si coglie osservando che la grossa conchiglia spinosa avvolta a spira del mollusco à forma disordinata, imprevista, fortuita, casuale.
ciceniello s.vo m.le voce regionale campana usata per indicare il novellame dei pesci (bianchetti/avannotti) ; quanto all’ etimo penso che esso vada cercato piú che nel latino “caecella” = anguillina, come per un certo tempo pensai, ma altrove e cioè che si tratti molto probabilmente di un diminutivo (eniello/e) derivato dal lat. caec(um) atteso che il novellame che è molto piccolo si presume cieco.

3. VECCHIA ‘A PANZA S’ARREPECCHIA : ‘A CHITARRA ‘UN SONA CCHIÚ.
Letteralmente: alla vecchia la pancia (le) si affloscia e raggrinzisce e la (sua) chitarra non suona piú. Id est: una donna vecchia perde l’avvenenza delle forme; la pancia, (come il seno) pèrdono di tonicità, afflosciandosi e conseguenzialmente le vengono rifiutati ed a mancare i piaceri del sesso (che ad una persona vecchia, non piú formosa od attraente, si negano). Nell’espressione in esame la voce chitarra (dall'ar. qîtâra, che è dal gr. kithára. che normalmente indica un noto strumento musicale a corde,provvisto di cassa armonica formata da due tavole (di cui la superiore con foro centrale, détto rosa) unite da una fascia, di paletta con meccanica per tender le corde) è usata per indicare furbescamente la vulva femminile, semanticamente richiamata dalla rosa/foro centrale, ed inteso quale strumento di piacere ;
in tale medesima accezione la voce chitarra la si ritrova nella smorfia napoletana che al numero 67 fa corrispondere l’espressione ‘o totaro dint’ â chitarra letteralmente: il totano nella chitarra, e ci si trova davanti ad una figurazione dal sapore marcatamente gioioso e furbesco, intendendosi con questa figura riferirsi all’immagine del coito ( che è dal lat. coitu(m), deriv. di coirecu(m) +ire ='andare insieme') in effetti è molto semplice rendersi conto di cosa sia adombrato sotto la figura del totaro e cosa adombri la chitarra con il foro della rosa; quanto all’etimologia abbiamo: totaro deriv. del gr. teuthís o têutòs con lo stesso significato di mollusco simile al calamaro; la voce pur partendo dal greco è giunta nel napoletano attraverso un basso latino tutanu(m) con metaplasmo e cambio di suffisso nu→ro.
arrepecchia voce verbale 3ª pers. sg. ind. pres. dell’infinito arrepicchià = in primis rappezzare, accomodare alla meglio, estensivamente come nel caso che ci occupa aggrinzare,afflosciare; voce denominale di ad+ repecchia→arrepecchia rafforzativo di repecchia attestata altresí con lettura metatetica rechieppa s.vo f.le = grinza, piega,ruga (dal lat. rappicula→rapicla →repecchia).
4.SI 'O GALLO CACAVA, COCÒ NUN MUREVA.
Letteralmente: Se il gallo avesse defecato, Cocò non sarebbe morto. La locuzione la si oppone sarcasticamente, a chi si ostina a mettere in relazione di causa ed effetto due situazioni chiaramente incongruenti, a chi insomma continui a fare ragionamenti privi di conseguenzialità logica.Va da sé che nella fattispecie dell’espressione in esame non vi sia, né possa esservi alcun nesso di relazione tra il fatto che se il gallo avesse defecato, Cocò non sarebbe morto ; e ciò perché chi sia sia o fosse fosse quel non meglio identificato Cocò, la sua vita non può dipedere dalle funzioni fisiologiche di un gallo a meno che quel Cocò non fosse il nome del gallo medesimo affetto da una pericolosa stipsi. Ma in queste icastiche espressioni non v’è mai una razionalità tanto stringata !
5.CAMMENÀ CU ‘A CARROZZA D’ ’O SCARPARIELLO Letteralmente: Incedere con la carrozza del ciabattino; id est: usare come carrozza quella fornita dal ciabattino, e cioè le proprie scarpe, marciando a piedi. Espressione usata a divertita chiosa del comportamento di chi non perché salutista, ma perché parsimonioso al massimo,quasi avaro, pur di risparmiare i pochi soldi per servirsi di una carrozza per il trasporto pubblico, si rassegni a marciar a piedi.
carrozza s.vo f.le
1 vettura a quattro ruote, con chiusura a cabina o a mantice, trainata da uno o piú cavalli, per il trasporto di persone. DIM. carrozzella/carruzzella,
2 vagone ferroviario per il trasporto di persone: carrozza di prima, di seconda classe | carrozza letto, provvista di cuccette | carrozza ristorante, dove si servono i pasti | carrozza ristoro, dove si fa servizio di bar
3 mozzarella ‘ncarrozza, specialità della cucina napoletana costituita da due fette di pane senza crosta ripiene di mozzarella,bagnate nel latte, infarinate, intinte nell'uovo e poi fritte. etimologicamente carrozza è  voce dallo spagnolo carroza marcata su di un lat. barbarico *carrocea affine al cl. carrus;
scarpariello s.vo m.le diminutivo (cfr. suff. iello) di scarparo s.vo m.le letteralmente non è il ciabattino, colui che accomoda le scarpe rotte (costui, in corretto napoletano è ‘o solachianiello ), ma è il fabbricante di scarpe,in linea con l’etimologia del termine scarparo che è dal portoghese-spagnolo escarpa con l’aggiunta di un suffisso di attinenza arius→ aro di reminescenza latina; da quanto détto se ne ricava che la locuzione piú acconciamente potrebbe esser resa con Cammenà cu ‘a carrozza d’ ’o solachianiello (ciabattino) e non Cammenà cu ‘a carrozza d’ ’o scarpariello il (giovane fabbricante di scarpe).

6.CARNEVALE MIO, SI SAPEVO CA MURIVE, T’ABBUFFAVO ‘E SSCORZE ‘E LUPINE
Lettaralmente: Carnevale mio, se avessi saputo che saresti morto ti avrei nutrito di cocce di lupini (piuttosto che di gustose e costose pietanze, quali lasagne ripiene,polpette e/o brasciole di manzo o di cotiche di maiale al ragú (che sono i tipici cibi con cui si imbandiscono le tavole prima dell’inizio della quaresima) che non ài apprezzato sino in fondo e di cui non m’ài ringraziato!). Espressione sarcastica usata nei confronti di chi beneficiato di gratuiti aiuti e/o provvidenze dal proprio prossimo,non li apprezzi a sufficienza o addirittura si mostri ingrato ed irriconoscente; a siffatti individui ci si riferisce con la frase in esame per bollarli di ingratitudine, irriconoscenza e d’essere volutamente immemori, dimentici, tal quale il Carnevale che nutricato di costose e gustose pietanze nell’ultimo dí delle sue feste (martedí grasso), mostra di non giovarsene appieno ed ugualmente decede per dare spazio alla quaresima (mercoledí delle ceneri);
Carnevale s.vo m.le
1 periodo dell'anno che va dall'epifania all'inizio della quaresima; in partic., l'ultima settimana di questo periodo, dedicata tradizionalmente ai divertimenti e alle feste mascherate: veglione di carnevale | bruciare il carnevale, dar fuoco al fantoccio che lo rappresenta; (fig.) terminare la festa | prov. : a, di carnevale ogni scherzo vale, durante il carnevale tutto è lecito
2 (estens.) l'insieme delle feste, delle manifestazioni organizzate durante il carnevale: il carnevale di Venezia, di Viareggio. DIM. carnevaletto, carnevalino ACCR. carnevalone
3(estens.) la maschera che rappresenta quelle feste;
4 (fig.) tempo di spasso e di allegria; chiasso, confusione | carnevalata, pagliacciata.
voce derivata a mio avviso piú che (come opinano i piú) da carne levare, perché dopo tale periodo cominciava l'astinenza quaresimale, dall’espressione esclamativa latina carne(m) vale! = ti saluto carne! e ciò sempre perché dopo tale periodo cominciava quello quaresimale e la carne per quaranta giorni era bandita dalla mensa;
abbuffavo voce verbale (1ª pers. sg. imperf. ind.)dell’infinito abbuffà = gonfiare, dilatare, ingrossare, allargare, enfiare satollare; etimologicamente deriva quale denominale da un latino ad +bufo→adbufo→abbufo→abbuffo= farsi gonfio come un rospo (lat. bufo/onis).
scorze s.vo f.le pl. di scorza = buccia, guscio, baccello, involucro, tegumento ma anche corteccia d’albero, pelle, spoglia di serpente e nel caso che ci occupa valva vuota di mitili e/o molluschi ; etimologicamente dal
lat. scortea(m) 'veste di pelle', s.vo dell'agg. scorteus, deriv. di scortum 'pelle';
lupine s.vo m.le pl. di lupino nome regionale (alibi longone) d’ un tipo di mollusco bivalve affine alla vongola verace, ma piú piccolo, di colore piú chiaro e sprovvisto di sifoni ; il nome gli deriva dall’esser simile per forma al seme del lupino (dal lat. lupinu(m), agg. deriv. di lupus 'lupo'; propr. 'erba dei lupi') pianta erbacea che produce semi gialli che bolliti e salati sono commestibili, (fam. Leguminose).
7. CAZZE, CAZZILLE E SS’ ’O TRUVAJE PICCIRILLO
Détto di chi eternamente indeciso/a, incerto/a, dubbioso/a, esitante, tentennante, irresoluto/a,insicuro/a procrastini indefinitamente le sue scelte o decisioni finendo per fare o prendere quelle meno esatte o utili; nella fattispecie lo si dice sarcasticamente di una donna che incerta o incontentabile, dopo d’aver indagato lungamente fra varî tipi di uomini finí per scegliere il meno provvisto di quell’attributo maschile inteso come emblema di forza, intelligenza e capacità.
cazze s.vo m.le pl. di cazzo s.vo m.le
1 (come nel caso che ci occupa)membro virile, pene;
2 (fig.) imbecille, persona sciocca, minchiona. testa di cazzo, accr. cazzone
3 (fig.) nulla, niente: nun valé, nun capí, nun cumbinà ‘nu cazzo (non valere, non capire, non combinarenulla) | usato come rafforzativo spreg. in locuzioni negative: sono guarito... in grazia dell'aver fatto a modo mio, cioè non aver usato un cazzo di medicamenti (LEOPARDI Lettere)
4 pl. (fig.) casi, fatti propri di qualcuno: nun se fa maje ‘e cazze suĵe( non si fa mai i fatti suoi) ||
5 Usato come inter. per esprimere stupore, ira, dispetto e sim.
etimologicamente da una voce gergale marinaresca greca akatiòn→(a)katiòn→cazzo= albero della nave;
cazzille s.vo m.le pl diminutivo della voce precedente (cfr. il suff. ille pl. di illo)
truvaje voce verbale (3ªpers. sg. pass. remoto)dell’infinito truvà =trovare, ma anche e qui imbattersi in;forse da un lat. volg. *tropare,(esprimersi per tropi, che fu il modo tipico dei trovatori) dal class. tropus 'tropo'(qualsiasi uso linguistico che trasferisca una parola dal significato suo proprio ad un altro figurato; traslato: la metafora, la metonimia, la sineddoche, l'antifrasi, l'iperbole sono tropi ); ma preferisco pensare che l'etimo sia dal lat. volg. *truare propriamente rimestare in un brodo quasi andando alla ricerca di qualcosa; tipico del napoletano la epentesi eufonica di una consonante (qui v) donde *truare→truvare ;
piccerillo/rella s.vo ed agg.vo m.le o f.le piccolino, minuto scarso, esiguo; sparuto limitato, leggero,modesto; etimologicamente voce derivata da un lemma fonosimbolico pikk (donde anche l’italiano: piccino) con ampliamento della base attraverso rillo/rella(piccerillo/piccerella) o altrove reniello/renella (piccereniello/piccerenella).


8.CCA SOTTO NUN CE CHIOVE! (JEVANO DICENNO ‘E PISCE SOTT’ACQUA...)
Ad litteram: Qui sotto non ci piove(dicevano i pesci sott’acqua)
L’espressione, pronunciata tenendo puntato il dito indice della mano destra ben teso contro il palmo rovesciato della mano sinistra, viene usata, a mo’ di risentito avvertimento , nei confronti di chi - dopo di aver promesso un aiuto o una liberalità - sia venuto meno clamorosamente a quanto promesso; e ciò nell’intento di fargli capire che non si è piú disposti a sopportare una simile mancanza di parola data e, per converso, si è pronti secondo un noto principio partenopeo che statuisce: fa’ comme t’è ffatto ca nun è peccato (comportati con gli altri come gli altri si sono comportati con te, ché non peccherai…) a restituire pan per focaccia; rammento che l’espressione originaria è quella fuori parentesi, espressione che da sola è significativa e sostanzia l’intendimento vendicativo di chi la pronuncia ; la parte tra parentesi è aggiunta a mo’ di spiegazione che però non dà,ed è perciò inutile e pletorica e non significativa ed infatti nell’uso comune non viene pronunciata! In effetti sott’acqua è ben difficile cogliere gli effetti di una eventuale semplice pioggia che non sia uragano o temporale violento ed è del tutto ovvio che un pesce che nuoti sott’acqua possa affermare che lí sotto non ci piova, ma ciò non offre il destro di cogliere il significato dell’avvertimento lanciato stringatamente con il semplice Cca sotto nun ce chiove! (Qui sotto non ci piove!).
cca  ( e non ca)avv = qui, in. questo luogo; vale l’italiano qua; etimologicamente dal lat. (e)cc(um) (h)a(c); da notare che nell’idioma napoletano (cosí come in italiano il qua corrispettivo) l’avverbio a margine va scritto senza alcun segno diacritico trattandosi di monosillabo che non ingenera confusione con altri; nel napoletano esistono , per vero, una congiunzione ed un pronome ca = (che), pronome e congiunzione (ambedue dal lat. quia→q(ui)a→qa→ca che però si rendono con la c iniziale scempia, laddove l’avverbio a margine è scritto sempre con la c iniziale geminata ( cca) e basta ciò ad evitar confusione tra i due monosillabi e non necessita accentare l’avverbio, cosa che – invece – purtroppo capita di vedere negli scritti di taluni sedicenti e/o acclamati scrittori/autori partenopei, dei quali qualcuno addirittura usa scrivere l’avverbio a margine cca’(con un inutile segno d’apocope…, inutile giacché non è caduta alcuna sillaba!) e talora addirittura ccà’ addizionando errore ad errore, aggiungendo (nel caso di ccà’) cioè al già inutile accento un pleonastico segno (‘) d’apocope atteso che, ripeto, non v’è alcuna sillaba finale che sia caduta e che vada segnata con il segno diacritico! In coda a quanto fin qui détto, mi occorre però aggiungere un’ultima osservazione: è vero che gli antichi vocabolaristi (P.P. Volpi, R. Andreoli) registrarono l’avverbio a margine come cà per distinguerlo dai due omofoni ca (che) pronome e congiunzione. Si trattava d’una grafia erronea, giustificata forse dal fatto che temporibus illis lo studio della linguistica era ancóra gli albori e quei vocabolaristi, meritorî peraltro per il corposo tentativo operato nel registrare puntigliosamente i lemmi della parlata napoletana, non erano né informati, né precisi. Ancóra tra gli antichi vocabolaristi devo segnalare il caso del peraltro preziosissimo Raffaele D’Ambra che, diligentemente riprendendo l’autentica parlata popolare registrò sí l’avverbio a margine con la c iniziale geminata (cca) ma lo forní d’un inutile accento (ccà) forse lasciandosi fuorviare dal cà registrato dai suoi omologhi. Dal tempo però dei varî P.P. Volpi, R. Andreoli e Raffaele D’Ambra la linguistica e lo studio delle etimologie à fatto enormi passi per cui se mi sento di perdonare a Raffaele D’Ambra,P.P. Volpi, R. Andreoli e ad altri talune imprecisioni o strafalcioni, non mi sento di perdonarli a taluni spocchiosi sedicenti e/o acclamati scrittori/autori partenopei, dei quali qualcuno addirittura cattedratico d’ateneo , colpevolmente a digiuno di regole linguistiche, (quando non sai una cosa, insegnala!) che si abbandonano a fantasiose, erronee soluzioni grafiche!
sotto avv. di luogo (dal lat. subtus, avv. deriv. di suªb 'sotto');
nun avv. di negazione(dal lat. non) = non ; talvolta viene aferizzato in ‘un o apocopata in nu da rendersi nu’ per evitarne la confusione con l’omofono ‘nu (un, uno) che conviene sempre fornire del segno (‘) d’aferesi e ciò in barba a troppi moderni addetti e non addetti ai lavori partenopei per i quali è improvvidamente invalso il malvezzo di rendere l’articolo indeterminativo maschile nu senza alcun segno diacritico alla medesima stregua dell’articolo indeterminativo femminile ‘na che è reso na senza alcun segno diacritico, quasi che il segnare in avvio di parola un piccolo segno (‘) comportasse gran dispendio di energie o appesantisse la pagina scritta, laddove invece,il non segnarlo, a mio avviso, è segno di sciatteria, pressappochismo dello scrittore (si chiami pure Di Giacomo, Eduardo,Nicolardi etc.)Del resto non è inutile ricordare che tanti (troppi!) autori napoletani, anche famosi e/o famosissimi non poterono avvalersi di adeguati supporti grammaticali e/o sintattici del napoletano, supporti che erano inesistenti del tutto ed i pochissimi esistenti (Galiani, Oliva) erano malamente diffusi, né potevano far testo, vergati com’erano da addetti ai lavori non autenticamente napoletani e pertanto, spesso imprecisi e impreparati. Ancóra ricordiamo che moltissimi autori furono istintivi e spesso mancavano del tutto di adeguata preparazione scolastica (cfr. V.Russo), altri avevano studiato poco e male e quelli che invece avevano adeguata preparazione scolastica (cfr. Di Giacomo, F. Russo, e. Nicolardi etc. spessissimo usarono maldestramente adattare le nozioni grammaticali-sintattiche dell’italiano al napoletano che invece non è mai tributaria dell’italiano essendo linguaggio affatto originale e diretto discendente del latino parlato.
chiove = piove voce verbale impersonale ind.pr. dell’infinito chiovere = piovere ; (dal lat. tardo plovere, per il class. pluere) normale il passaggio del digramma latino pl seguito da vocale al napoletano chi (cfr. chiummo←plumbeu(m) - chiazza←platea – chieja← plica(m)).


9.CHESTA È ‘A SCÒLA ‘E DONNA PEPPA
Letteralmente:questa è la scuola di donna Peppa! Id est: questo è un luogo dove regna il caos, il chiasso, l’insubordinazione, il disordine, l’eccesso, l’intemperanza e la sfrenatezza rumorose; détto ironicamente di luoghi e/o situazioni dove regnino frastuono, fracasso, baccano, rumore, trambusto, putiferio, schiamazzo, strepito, canizza, chiassata, gazzarra quasi che fosse stato preso a modello il comportamento rumoroso, chiassoso normalmente tenuto dal pubblico plebeo volgare, grossolano, rozzo, incivile di quel teatro popolare (aperto nel 1826) sito in via Marina, adiacente la Porta di Massa, poco discosto dalla Chiesa del Carmine  di piazza Mercato, comunemente chiamato ‘a puteca ‘e Donna Peppa ( che era la famosa donna Maria Giuseppa Errico (Napoli, 1792-† ivi 1867), , moglie di Salvatore Petito e mamma del famosissimo Antonio – Totonno Petito),teatro dove il pubblico dei lazzaroni notoriamente interloquiva con rumorosa sfrenatezza di gesti e di gergo con gli attori nel corso della rappresentazione.Nella espressione in esame quel teatro/puteca (bottega) è détto ironicamente scòla (scuola) in quanto modello, fonte di cattivo insegnamento.
9. Bis La medesima Donna Peppa ( cioè la famosissima donna Maria Giuseppa Errico (Napoli, 1792-† ivi 1867), , moglie di Salvatore Petito e mamma del celeberrimo Antonio – Totonno Petito),  accreditata di essere donna insofferente, intollerante  e nervosa per i modi spicci e sbrigativi con cui affrontava il facinoroso pubblico di adulti e di minori del suo teatro/puteca, viene chiamata in causa nelle icastiche espressioni 1) DONNA PEPPA, TUTTO LLE FÈTE SOTT’Ô NASO o alternativamente 2) DONNA PEPPA,LLE DÀNNO ‘MPICCIO ‘E PILE ‘INT’Ô NASO, espressioni che ad litteram valgono 1)Donna Peppa, le pute tutto sotto il naso!, 2)Donna Peppa, le sono di fastidio i peli nel naso!, espressioni alternativamente usate a dileggio,soprattutto di donne, ma talora anche di uomini,  che si mostrino intolleranti, insofferenti, impazienti, smaniose/i  anche in presenza delle piú lievi seccature o di risibili intralci, tal quali la mamma di Totonno Petito.  
10. DICETTE 'A SIÉ CHICHIERCHIA: 'A PRUDENZIA NUN È MMAJE SUPERCHIA!
Disse la signora Chichierchia: la prudenza non è mai eccessiva
Id est: è buona norma usare sempre molta prudenza.
Con il termine chichierchia , normalmente,nell’idioma napoletano (con etimo da un acc.vo latino cicercula(m) dim.vo di cicer) si identifica la cicerchia, povero, ma gustoso legume cosí povero da essere usato spesso quale mangime del bestiame; qui se ne è fatto, per rimare con la parola superchia, un nome proprio e lo si è assegnato ad una fantomatica signora sulla cui bocca è posto il wellerismo.
prudenzia s.vo f.le astr. = prudenza Dal lat. prudentia(m), deriv. di prudens -entis 'prudente'; del latino la voce napoletana conserva piú acconciamente rispetto alla corrispondente voce italiana, la i etimologica della sillaba finale;
superchia agg. femm. metafonetico del masch. supierchio = eccessivo, eccedente con etimo dal lat. *superculum; rammenterò che il masch. supierchio diventa neutro nella forma ‘o ssupierchio usato per indicare tutto ciò che eccede o sopravanza.
sié = signora forma apocopata, (ma accentata per indicare l’esatta pronuncia) di una ricostruita voce francese femminilizzata e metatetica da seigneur→ sei-gneuse→sie(gneuse).

11.CHI ‘NFRUCE, NUN LUCE!
Chi conserva,affastella, mette via e da parte,non riluce. Détto di chi troppo parsimonioso quando non avaro è abituato a conservare piuttosto che a spendere ed a far cicolare il proprio danaro; di costui si afferma che con il suo comportamento non può risplendere cioè fare bella figura e farsi notare, restando nell’anonimato dell’avarizia, nel buio della tirchieria, taccagneria, pitoccheria: va da sé infatti che anche l’oro, se nascosto, non può splendere!
‘nfruce voce verbale (3ª pers. sg. ind. pres.) dell’infinito ‘nfrúcere = stipare, calcare,conservare, ammassare, stivare, assembrare, metter da parte, ammucchiare;
luce voce verbale (3ª pers. sg. ind. pres.) dell’infinito lúcere = in primis splendere, emanar luce; per traslato risaltare, imporsi, emergere, distinguersi, eccellere, primeggiare
12.CHI STENNERE SE VO’ CCHIÙ ‘E CHELLO CH’È LUONGO ‘O LENZÚLO, MOSTA APPRIMMA ‘E PIERE E DOPPO PURE ‘O CULO.
Chi vuole distendersi piú di quanto sia lungo il lenzuolo, finisce per scoprir dapprima i piedi e poi anche il sedere.
Id est: Chi improvvidamente vuol fare il passo piú lungo della gamba è destinato a fine ingloriosa; chi eccede le proprie possibilità operative, vuoi per ridotte capacità mentali e/o fisiche, vuoi per insufficienza di mezzi è destinato all’insuccesso anche vergognoso.
lenzúlo s.vo m.le s. m. [pl.m.le ‘e lenzule con riferimento a piú teli, che si stendono sul letto e fra i quali si giace; anche pl.f.le ‘e llenzòla, con riferimento al paio che si stende sul letto] = lenzuolo; la voce in esame è etimologicamente dal lat. linteolu(m) 'pannolino', dim. di linteum, neutro sost. dell'agg. linteus 'di lino'; linteolu(m)→ lint(e)olu(m)→lentulu(m)→lenzulo
mosta voce verbale (3ª pers. sg. ind. pres.) dell’infinito mustà = 1 far vedere, sottoporre alla vista o all'attenzione di altri,esibire; etimologicamente dal lat. monstrare, deriv. di monstrum; propr. 'indicare il volere divino'; monstrare→ mo(n)strare→ mo(n)st(r)are→ mustare/mustà.
13.CHI TÈNE ‘A LENGUA VA ‘NSARDEGNA.
Ad litteram: a)chi à lingua (cioè sa parlare) arriva in Sardegna, ma anche
b)chi parla troppo finisce in Sardegna.
Locuzione, come si vede,che può avere una doppia valenza o interpretazione: quella sub a) fa riferimento al comportamento di chi abbia padronanza di eloquio e non disdegni di richiedere informazioni che possano aiutarlo a raggiungere la Sardegna , regione ritenuta, temporibus illis, molto lontana e difficile da raggiungere; la valenza sub b) si riferisce invece a chi sia troppo linguacciuto al segno di mancare di rispetto, a mo’ di esempio, ad un suo superiore, che può punirlo trasferendolo in Sardegna , terra ritenuta inospitale oltreché lontana.
léngua/lénga s.vo f.le in doppia morfologia = lingua ; rammento che la voce a margine (dal lat. lingua(m)→lengua(m) e poi per semplificazione espressiva del dittongo ua→a lenga) à prodottodalla forma lenga il s.vo f.le lengorïata ampia sgridata,estesa rampogna, durevole strigliata, verbosa paternale con finalità educative ; si tratta d’un’ antica e desueta voce derivata come ò détto dal s.vo lenga/lengua con riferimento semantico alla lunga articolazione della lingua di chi procedesse a tale ampia sgridata,estesa rampogna, durevole strigliata, verbosa paternale.



14.CUMMÒGLIAME ‘STU PIETTO CA ‘STU CULO ME STA SCUPIERTO
Coprimi il petto poiché ò il sedere scoperto....
Espressione sarcastica messa sulla bocca di una donna svampita ed irrazionale che benché iperbolicamente inceda con il fondoschiena scoperto chiede che le si copra il seno. Con la medesima espressione si commenta ironicamente il comportamento irragionevole di chiunque sciocco , presuntuoso e sprovveduto invece di occuparsi in maniera corretta conseguente e logica di un bisogno (non rendendosi conto delle reali necessità derivanti da una situazione in corso d’opera) attende a problemi succedanei o incongruenti con il bisogno de quo.
pietto s.vo m.le = petto, le mammelle della donna, il seno, la parte anteriore del tronco umano, compresa tra il collo e l'addome; voce dal lat. pectŭ(s) con dittongazione della e intesa breve ed assimilazione regressiva ct→tt;
scupierto part. pass. aggettivato dell’infinito scuprí = scoprire, denudare, mostrare, esporre ( dal lat.s (distrattiva) +cooperire, comp. di cum 'con' e operire 'coprire, occultare'.

15.DALLE E DALLE ‘O CUCUZZIELLO ADDEVENTA TALLO.
Letteralmente: Dagli e dagli la zucchina diventa tallo.Id est: ad insistere sempre sulla medesima questione si finisce male come a cogliere zucchine continuamente, della pianta non ne restano che le foglie. Il tallo è la foglia commestibile delle cucurbitacee, ma pure essendo edibile è sempre meno pregiata della zucchina che già di suo non è molto saporita.
cucuzziello s.vo m.le
tallo s.vo m.le in generale complesso dellefoglie degli ortaggi, corpo delle piante inferiori, non differenziato in radice, fusto e foglie, germoglio,talea qui segnatamente della pianta di zucchine; voce dal lat. thallu(m), dal gr. thallós 'germoglio', deriv. di thállein 'fiorire'.


16.D’ ’E DENARE D’ ’O CARUCCHIARO SE NE VEDE BBENE ‘O SCIAMPAGNONE
Del danaro (messo da parte e lasciato in eredità) dall’avaro, ne gode(l’erede) scialacquatore.
Icastica espressione che fotografa una realtà incontrovertibile quella cioé che un soggetto parsimonioso, risparmiatore, economo, parco, misurato,semplice, sobrio, frugale per non dire avaro, il piú delle volte à come erede e beneficiario delle fortune accantonate uno sciupone, sprecone, spendaccione, dissipatore che provvederà a dilapidare i beni accumulati dal suo dante causa. Estensivamente l’espressione si attaglia a tutte quelle situazioni in cui esista un soggetto prudente, lungimirante, avveduto, cauto, accorto, sagace, preveggente che veda le sue fatiche rese vane dal comportamento imprevidente, imprudente, avventato, sconsiderato, incauto, malaccorto d’un suo collaboratore, sodale, amico, figlio o parente. carucchiaro/a agg.vo e s.vo m.le o f.le tirchio/a, spilorcio/a, taccagno/a,avaro/a, pitocco/a;
voce etimologicamente derivata dal s.vo carocchia addizionato del suff. di pertinenza aro/a dal lat arius/ara→arus/ara;
la carocchia s.vo f.le di per sé è il nocchino,un piccolo colpo secco, ma doloroso assestato al capo e portato con movimento veloce dall’alto verso il basso con le nocche maggiori delle dita della mano serrata a pugno. Etimologicamente non dal lat. crotalum che indica la nacchera, strumento musicale e non tipo di percossa…,ma dal greco karà=testa attraverso un lat. regionale *caròclu(m) ed il plurale reso femm. caròcla (tipica la mutazione cl in ch come in clausu(m) che diventa chiuso) ; questo s.vo si collega semanticamente alla voce che identifica il/la tirchio/a, spilorcio/a, taccagno/a,avaro/a, pitocco/a perché questi ultimi fanno le proprie fortune mettendo da parte soldo a soldo quasi a piccoli colpetti consecutivi quali sono i nocchini/carocchie.
sciampagnone/a agg.vo e s.vo m.le o f.le generoso/a, prodigo/a, munifico/a; spendaccione/a sciupone/a, sprecone/a, spendaccione/a, dissipatore/trice;


17.DICETTE ‘A FIGLIOLA QUANN’’O VEDETTE : “’AZZÓ, E CCHE BBELLU CAPITONE SENZA RECCHIE!”
La ragazza che lo vide (la prima volta)disse: “Accidenti che bel capitone privo d’orecchie!” Espressione icastica e furbesca che però non à alcuno intento né proverbiale, né didascalico come invece molte delle locuzioni popolari napoletane. Questa si limita a riportare un salace accostamento messo sulla bocca di un’ignota ragazza che vedendo la prima volta un membro maschile in erezione lo paragonò ad un capitone, cioè alla famosa anguilla femmina di grosse dimensioni, pregiata per le sue carni, che è cibo tradizionale delle feste di Natale, ma precisò che si trattava di un capitone privo d’orecchie; in effetti il capitone e cioè la grossa anguilla femmina, regina delle napoletane tavole di magro della vigilia di Natale, allorché viene ammannito arrostito alla brace, in carpione, in umido, all’agro o fritto à una morfologia particolare e la sua grossa testa appare fornita di due minuscole appendici laterali traslucide, volgarmente détte orecchie ; rammento che la voce capitone etimologicamente è dall’accusativo latino capitone(m) da capito/onis collaterale di caput/tis in quanto oltre il corpo à una testa molto pronunciata; rammenterò che nelle tombole familiari quando si estraesse il num. 32 chi lo estraeva annunciava trionfante: trentaroje ‘o capitone!,ma súbito chiosava: cu ‘e rrecchie volendo significare che si intendeva riferire proprio alla grossa anguilla provvista ai lati del capo di due piccole, trasparenti appendici ritenute orecchie, e non intendeva, col dire capitone, riferirsi ad altro furbesco richiamo non ittico, di appendice maschile spesso ricordata con la voce: ‘o capitone senza recchie (il capitone privo d’orecchie).
‘azzó! esclamazione costituita attraverso l’uso aferizzato e con spostamento d’accento sulla seconda sillaba(per marcarne il tono esclamativo) del s.vo cazzo→’azzó ; come ò già ricordato (cfr. antea sub 7.) il s.vo cazzo è usato come inter., come in questo caso, per esprimere stupore, ira, dispetto e sim. Talora ed alibi sempre come esclamazione si usa la morfologia ‘azze!, ma trovo piú corposo e forse eufemistico l’uso di ‘azzó!
Etimologicamente da una voce gergale marinaresca greca akatiòn→(a)katiòn→cazzo= albero della nave.
18.È ACQUA CA NUN LEVA SETE!
È acqua che non disseta! Lo si dice in senso di malcelato rammarico quando si ricevano provvidenze sia materiali (paga, salario, compenso, rimunerazione,... eredità) che morali ( dimostrazioni di affetto,bene, attaccamento, affezione, amore) notevolmente inferiori a quelle attese e/o sperate.
19.FARNE TUTTE CICERENNAMMUOLLO
Farne soltanto moine smancerie, vezzi, leziosaggini
Lo si dice con profondo senso di amarezza a commento delle azioni prive di risultati pratici di coloro che chiesti o invitati a conferire il loro fattivo contributo ad una causa comune si limitano a blandizie e smancerie (tipiche degli innamorati) che riempiono gli occhi di fumo , ma non ànno sostanza! In effetti con il s.vo m.le pl. cicerennammuolle si intendono le svenevolezze, i vezzi, le leziosaggini proprie degli innamorati tutte cose che mancano di essenza, fondamento, nocciolo, succo, sugo, in uno  di consistenza reale e pratica; etimologicamente il termine cicerennammuolle è l’incrocio tra cicerefuoglio e l’aggettivo muolle con epentesi sillabica di raccordo nna; rammento che il cerfoglio(lat. caerefolium) in nap. cerefuoglio o cecerefuoglio→ cicerefuoglio indica oltre che la pianta delle ombrellifere anche gli sgorbi fatti a caso con penne e/o matite sui fogli di carta ed ancóra i vezzi, le moine, le sdolcinature, tutte cose che semanticamente posson ricondursi anche alle bizzarríe,alle stranezze bizzose nonché alle minuzie e/o sciocchezze;

20. ‘E FFÉMMENE ‘E CASANOVA PISCIANO ‘NTERRA E DÍCENO CA CHIOVE
Le meretrici orinano in terra e dicono che piove.
Icastica antica espressione che fotografa una realtà incontrovertibile quale quella delle meretrici che ànno l’abitudine (dettata da necessità) di mingere per istrada (sul ... posto di lavoro) e di scusarsi (con chi dovesse redarguirle di questa pratica invetereta) accampando scuse e dicendo che esse non ànno colpa in quanto il bagnato della strada lo si deve alla pioggia e non al loro orinare. L’espressione è usata in senso esteso per sarcasticamente commentare il vigliacco comportamento di chi codardo , ignobile, abietto, sistematicamente evita di assumersi le responsabilità delle proprie azioni e la scarica su altri o sulla fatalità dell’esistenza umana.
‘e ffémmene ‘e Casanova =ad litteram le donne di Casanova ma da leggersi come: le sacerdotesse d’amore è locuzione nominale usata in luogo di uno dei tanti sinonimi napoletani di prostitute, meretrici, etc. (cfr. alibi sub Meretricio): fémmene s.vo f.le pl. di fémmena s.vo. f.le1 nome generico di ogni individuo umano o animale portatore di gameti femminili atti a essere fecondati da quelli maschili, e quindi caratterizzato dalla capacità di partorire figli o deporre uova; 2 essere umano di sesso femminile; donna, bambina ( vocedall’acc. latino foemina(m) = femmina, donna)con tipico raddoppiamento espressivo popolare della postonica m in parole sdrucciole).
Casanova Giovanni Giacomo. – Dissoluto avventuriero, donnaiolo, gran tombeur de femmes (Venezia 1725 -† Dux, Boemia, 1798); figlio di attori, presto orfano di padre ed affidato dalla madre (Giovanna Maria C., detta Zanetta) alla nonna materna, fu studente a Padova, chierico a Venezia e in Calabria, segretario del cardinale P. Acquaviva a Roma, soldato dell'armata veneta in Oriente, violinista dal 1746 nel teatro S. Samuele a Venezia. Accolto come figlio dal senatore M. G. Bragadin, nel 1750 riprese la sua vita randagia attraverso la Francia, Dresda, Praga e Vienna, finché, tornato a Venezia nel luglio 1755, fu rinchiuso nei Piombi sotto l'accusa d'aver tentato di diffondere la massoneria. Evaso, tornò in Francia, ove introdusse il gioco del lotto nel 1757, e, sotto il nome di cavaliere di Seingalt, fu in Olanda, Germania, Svizzera, Italia, Polonia, Russia, seducendo donne, giocando, battendosi a duello, esercitando la magia, speculando sui valori pubblici e facendo perfino il confidente degli inquisitori di stato di Venezia. Finí la sua vita come segretario e bibliotecario del conte C. G. di Waldstein. Attivo, energico, intraprendente, il C. fu un avventuriero anche della penna e scrisse, tra l'altro, la Confutazione della storia del governo veneto di A. de la Houssaie (1769), la Storia delle turbolenze della Polonia (1774), una traduzione, incompleta, in ottava rima dell'Iliade (1775), l'opuscolo Scrutinio del libro: Eloges de M. de Voltaire par differens auteurs (1779), il romanzo Icosameron (1788); ma la sua notorietà è dovuta soprattutto alla drammatica narrazione dell'evasione dai Piombi (Histoire de ma fuite, 1788) e ai fantasiosi e licenziosi Mémoires, sostanzialmente veridici quanto alla rappresentazione della società di gaudenti e intriganti del Settecento. Stucchevole, ma forse veritiera, invece, la rappresentazione di sé stesso quale genio della seduzione.
pisciano = mingono, orinano voce verbale (3ª pers.pl. ind. pres.)dell’infinito piscià = orinare, mingere (dal latino pitissare→pi(ti)ssare→pissare→pisciare→piscia(re)→piscià.
21.È UNO CA NUN FA CARTE
È uno che (non intende) fare le carte; È uno che (non intende) distribuire le carte; Espressione che prendendo il la dai giochi fatti con le carte in cui per regola è previsto che ciscun giocatore distribuisca le carte cominciando la distribuzione secondo i tipi di giochi o dalla sua dritta o dalla mancina e finendo per essere l’ultimo a calare in tavolo le sue carte. Nel caso dell’espressione ci si riferisce a chi per arroganza, prepotenza e/o – ma meno spesso – per semplice indolenza non intende in alcun modo distribuire le carte e cioè non vuole assumersi le proprie responsabilità tentando in ogni modo di sfruttare le situazioni traendone i benefici senza aver conferito la propria fattiva partecipazione all’azione comune.

22.È PPROPETO ‘NA SCOLA CAVAJOLA
È proprio una scuola cavajola! Con tale icastica espressione esclamativa, della medesima portata di quella precedente che chiamava in causa la bottega di donna Peppa ormai non ci si riferisce ad una vera e propria scuola, ma a tutte quelle situazioni caotiche dove regnino chiasso,insubordinazione,disordine, frastuono, fracasso, baccano addizionati di negligenza, svogliatezza, menefreghismo, sciatteria, indolenza, noncuranza L’espressione molto datata nacque prendendo spunto e modello da alcune particolari opere teatrali, détte Farse cavaiole: farse nate nel Napoletano sulla fine del sec. XV e fiorite nel XVI; erano scritte in versi, in una lingua piena di espressioni dialettali, e rappresentava scene di vita popolare; fu insomma un genere drammatico popolare, caratterizzato dal ricorso a frottole o gliuommeri di endecasillabi, per lo piú con rima al mezzo.Furono denominate farse cavaiole per il loro prendere ad oggetto di beffa l’ingenuità e/o la rozzezza degli abitanti di Cava dei Tirreni.; scaturirono dalla penna d’ un tal prolifico Vincenzo Braca (Salerno 1566 - †Cava dei Tirreni, dopo il 1614), autore teatrale che raccolse e redasse per iscritto, sceneggiandole e aggiungendone di proprie, le satire che tradizionalmente erano diffuse, fra i salernitani, contro i vicini abitanti di Cava; cosa che rese ancor piú sentiti e profondi i vecchi rancori fra le due città, esponendo personalmente il Braca, per questo feroce accanimento denigratorio, all’odio dei cavesi. E pare che proprio da cavesi, o per loro istigazione, il Braca venne assassinato.
La sua opera, comunque, ci pervenne in due manoscritti, di cui il piú interessante è, senza dubbio quello dal titolo“La farsa cavajola de la scola” o “de lo mastro de scola”. E, facendo riferimento a questa farsa, Benedetto Croce ebbe a scrivere: «Anche ora, si chiama a Napoli “scola cavajola” una scuola in cui tutto va alla peggio, con maestri inetti e scolari asini e indisciplinati».Dunque in origine con il termine “scola cavajola” ci si intese riferire ad un’autentica scuola come nell’opera del Braca; successivamente il termine “scola cavajola” fu inteso in senso estensivo con riferimento, come ò detto, ad ogni ambiente e situazione non solo caotici, ma improntati al peggior funzionamento per demerito di persone incapaci, incompetenti, inesperte nonché svogliate pigre, negligenti, sfaticate, e scansafatiche.
gliuommere/i s.vom.le plurale metafonetico di gliommero che di per sé è il gomitolo con etimo dall’acc. latino glomere(m) con probabile metaplasmo nel passaggio da un originario neutro glomus al maschile glomere(m); il significato originario di gomitolo si è poi esteso ed è traslato a quello di peculio, come di ricchezze accumulate; in chiave letteraria come nel caso che ci occupa la voce gliommero fu usata per indicare alcuni endecasillabi non particolarmente fluidi e/o scorrevoli con complesse rime al mezzo; sempre in chiave letteraria, la voce venne pure usata per intitolare alcuni suoi componimenti poetici, non aulici, ma popolareschi da Jacopo Sannazaro ( nacque a Napoli nel 1456 e, tranne una breve parentesi in cui seguì nell'esilio l'amico Federico III d'Aragona, lì visse fino alla morte, avvenuta nei 1530.
Discendente da una nobile famiglia oriunda della Lomellina, trascorse la fanciullezza e l’adolescenza a San Cipriano Piacentino, portando poi a lungo in sé la suggestione bucolica ed agreste di quell’ambiente. Entrato nell’Accademia pontaniana, dove assunse lo pseudonimo diActius Syncerus, si legò d’amicizia col Pontano (Cerreto di Spoleto [Perugia] 1429 † Napoli 1503), che a lui intitolò il dialogo Actius, sulla poesia.
Il Sannazaro fu colto umanista e poeta raffinato. Ci à lasciato numerose opere in lingua latina ed in volgare. Fra le prime ricorderò le "Bucoliche", di ispirazione virgiliana, le "Eclogae piscatoriae" (5 composizioni che descrivono il golfo di Napoli), le "Elegie" in tre libri, il poema sacro "De partu Virginis"; fra quelle in volgare ricordo, appunto, gli "Gliommeri" (= "gomitoli",componimenti poetici di origine popolare in napoletano e destinato alla recitazione in forma di monologo; costituito di endecasillabi a rima interna, intrecciava motti, frizzi e argomenti vari tra cui filastrocche di proverbi napoletani ed altri varî argomenti popolari), le "Farse" e le "Rime" (ad imitazione del Petrarca));

23.È RRUMMASO ‘O ZUCO D’ ’E VALLÈNE
È avanzato (solo) la broda delle castagne lesse. Icastica espressione usata figuratamente a rammaricato commento di situazioni in cui regni la massima penuria di mezzi e/o miseria. Fu espressione esclamativa rivolta dai genitori ai loro figlioli perché recedessero da esose, continue richieste di beni e/o danaro e si rendessero conto che era inutile insistere con petizioni di provvidenze in quanto con i mezzi familiarî ridotti al lumicino non era possibile aderire alle loro pretese. Il concreto zuco d’ ‘e vallene (broda delle castagne lesse) (qui figuratamente usato per indicare le ultime sostanze nella disponibilità d’ una famiglia) è l’acqua di bollitura (addizionata di foglie d’alloro, semi di finocchi e sale) delle castagne che private del riccio e della prima corteccia vengon lessate in un grosso paiolo, portato in giro su di un trespolo (montato su di un piccolo pianale di legno provvisto di ruote), trespolo che insiste su di un fornello a carbone che tiene a lento continuo bollore la broda; le castagne lesse vengon poi vendute al minuto in numero contato raccolte in cartoccetti conici (cuoppe) sino ad un primo esaurimento (infatti spesso il/venditore/trice di queste castagne lesse, esaurita la prima quantità di castagne provvede illico et immediate alla bollitura di altre castagne versandole nel medesimo brodo residuo riutilizzato per non eleminare con l’acqua anche gli odori); queste castagne bollite che una volta private della pellicina vengon consumate addizionate di zucchero o poco sale,   vengon détte in napoletano alternativamente allesse o vallene:
allesse s.vo f.le plur. di allessa= castagna privata del riccio e della dura scorza esterna e bollita in acqua con aggiunta di foglie d’alloro e semi di finocchio ; voce derivata dal part. pass. femm. del tardo lat. elixare 'far cuocere nell'acqua, sebbene qualcuno proponga un tardo lat. *ad-lessa(m) ma non ne vedo la necessità in quanto nulla osta al passaggio che riporto elixare→alissare→allissare→allessare e da quest’ultimo il part. pass allessato/a→allessa(to/a)→allessa;
vàllene/vàllane s.vo f.le plur. del m.le  vàlleno/vàllano= marrone, varietà di castagna piú grossa e pregiata della normale castagna ; come questa privata del riccio e   della dura scorza esterna e lessata in acqua con aggiunta di foglie d’alloro e semi di finocchio ; voce derivata dall’acc.vo lat. bàlanu(m), con tipica alternanza partenopea b/v e raddoppiamento espressivo della consonante laterale alveolare (l), tipico nel tipo di parole sdrucciole (cfr. còllera←cholera(m); quando le castagne siano bollite private del riccio, ma non della buccia dura vengon piú acconciamente détte bballuotte (voce derivata con gran probabilità dall'ar. ballut 'ghianda');a margine della voce in esame rammento una gustosa, antica espressione popolare usata sarcasticamente quando ci si voglia riferire alla pochezza di mezzi economici conferiti per il raggiungimento di uno scopo; quando quei mezzi siano molto esigui s’usa dire: Aeh, ce accatte ‘o ssale p’’e vallane! (Eh,ci copri il sale per le castagne bollite); 
cuoppo s.vo m.le questa voce napoletana cuoppo non può esser resa con un solo vocabolo nella lingua nazionale e ciò per il motivo che nell’idioma napoletano la voce cuoppo indica piú cose e queste nell’italiano ànno volta a volta nomi del tutto differenti tra di loro. In primis nel napoletano con la voce cuoppo s.vo m.le si indica una particolare piccola rete da pesca a forma di cono, legata a un cerchio di legno o di ferro sostenuto da una lunga asta con cui viene manovrata; tale rete è detta in italiano, quale adattamento della voce napoletana, coppo; con la medesima voce cuoppo s.vo m.le si indica una piccola tegola curva, leggermente conica, usata, in disposizione a file parallele, per coperture di tetti; anche tale tegola è detta in italiano, ancóra per adattamento della voce napoletana, coppo; con la medesima voce cuoppo s.vo m.le in napoletano si indica uno dei due piatti della bilancia, segnatamente quello di forma concava, in cui di solito vien messa la merce da pesare; in questo caso però l’italiano non accoglie il suggerimento napoletano e preferisce usare il s,vo piattello; ugualmente la voce napoletana non viene piú accolta per adattamento nell’italiano allorché si tratti di indicare, come nel caso che ci occupa, un involucro, un cartoccio, piú o meno grosso di forma conica atto a contenere alcunché; in effetti quello che nel napoletano è pur sempre ‘o cuoppo e – se piccolo - cuppetiello in italiano diventa volta a volta: involucro, cartoccio, involto, pacco, pacchetto, fagotto tutte voci che non fanno alcun riferimento, come sarebbe giusto che fosse, alla forma dell’involucro (cosa che invece è espressa dal napoletano cuoppo= involto di forma conica ), ma si riferisce spesso al materiale dell’involto: cartoccio←carta , pacco←olandese pak(balla di lana) etc.
Giunti a questo punto conviene fare un piccolo riepilogo e dire che il s.vo m.le napoletano cuoppo può indicare:
una rete da pesca, un embrice semicilindrico, un piatto di bilancia ed un cartoccio conico; quanto all’etimo cuoppo è da un lat. *cŏppu(m)→cuoppo forma resa maschile e dittongata del tardo lat. f.le *cŏppa(m)→cupa(m) per il class. cupa(m)= botte,semanticamente raccostati per la comunanza funzionale, sebbene non di forma, del concetto di capienza e ricezione;al proposito rammento che nel napoletano un oggetto (o cosa quale che sia) è inteso se maschile piú piccolo o contenuto del corrispondente femminile; abbiamo ad . es. ‘a tavula (piú grande rispetto a ‘o tavulo piú piccolo ),‘a tammorra (piú grande rispetto a ‘o tammurro piú piccolo ), ‘a cucchiara(piú grande rispetto a ‘o cucchiaro piú piccolo), ‘a carretta (piú grande rispetto a ‘o carretto piú piccolo ); fanno eccezione ‘o tiano che è piú grande de ‘a tiana e ‘o caccavo piú grande de ‘a caccavella. Nella fattispecie la cuppa(m) è certamente piú grande d’un cartoccio per cui cŏppa(m)f.le deve divenire *cŏppu(m)→cuoppo maschile.
A margine di tutto quanto fin qui détto mi piace rammentare alcune icastiche espressioni del napoletano dove la fa da protagonista il s.vo cuoppo; e comincio con l’epiteto
cuoppo ‘allesse! (cartoccio di castagne lesse!); inteso tale cartoccio bagnato e macchiato (la buccia interna delle castagne lesse tinge di scuro la carta con cui si confeziona il cartoccio!) lo si pensa quindi lercio, sporco e tali sono ritenute le donnaccole cui è riferito l’epiteto; allesse plur. di allessa= castagna privata della dura scorza esterna e bollita in acqua con aggiunta di foglie d’alloro e semi di finocchio derivata dal part. pass. femm. del tardo lat. elixare 'far cuocere nell'acqua, sebbene qualcuno proponga un tardo lat. *ad-lessa(m) ma non ne vedo la necessità; e rammentiamo l’espressione
cuoppo d’acene ‘e pepe anzi piú precisamente cuppetiello d’acene ‘e pepe (cartoccetto di pepe) espressione usata in riferimento ad uomini di statura eccessivamente minuta e di corporatura esile, come piccoli e contenuti erano i cartoccetti usati dai droghieri per vendere al minuto le piccole bacche sferiche, nere, di forte aroma,della pianta del pepe, bacche usate intere o macinate come condimento; trattandosi di una spezie d’importazione ed abbastanza costosa, non erano ipotizzabili – per la sua vendita al minuto – cartocci grossi, cuoppi voluminosi (come quelli usati per vendere castagne lesse o altre merci commestibili quali frutta, pesce fresco etc.), ma solo cartoccetti piccoli; per cui non cuoppi, ma cuppetielle! Rammento adesso un significativo proverbio/scioglilingua che è: A cuoppo cupo pocu ppepe cape.che tradotto è: Nel cartoccetto conico stretto entra poco pepe. in realtà piú che di un proverbio si tratta di uno scioglilingua giocato sulle assonanze delle varie parole, ma che nasconde un’osservazione disincantata della realtà e cioè che chi è stretto perché pieno, sazio non può riempirsi di piú(e ciò sia in senso positivo che negativo posto che chi sia già tanto pieno, saziato di doti positive morali e/o di cultura, difficilmente potrà migliorarsi, come per converso chi sia cosí tanto sprovvisto di moralità e/o cultura difficilmente potrà aver modo di evolversi in meglio stante le ristrettezze morali del suo io che non gli consentiranno l’aggiunta d’alcunché);
l’agg.vo m.le napoletano cupo non corrisponde all’italiano cupo che vale 1 profondo, molto incassato: pozzo cupo; valle cupa ' (region.) fondo, concavo: piatto cupo
2 (fig.) riferito a stati d'animo o sentimenti negativi, profondo, radicato: odio, rancore cupo; un cupo dolore | impenetrabile, tetro, malinconico: carattere, volto cupo | sinistramente ambiguo, misterioso: cupe minacce; ma in napoletano vale in primis: stretto, angusto, limitato e solo estensivamente buio, tenebroso, e detto di suono: cupo, basso, sordo. Ed in chiusura rammento un’altra icastica locuzione partenopea che suona: Piglià ‘o cuoppo ‘aulive p’’o campanaro ‘o Carmene (confondere il cartoccio conico contenente le olive con il campanile del Carmine Maggiore),locuzione usata per prendersi sarcasticamente beffe di qualcuno incorso in un madornale quiproquò, la medesima d’un non meglio identificato individuo macchiatosi della confusione iperbolica ed impensabile di scambiare un contenuto cartoccio con un campanile, non potendosi mai paragonare un piccolo cartocetto, sia pure conico con lo svettante e massiccio campanile del Carmine Maggiore campanile adiacente l’omonima basilica napoletana fatta erigere a partire dal 1301 con le elargizioni di Elisabetta di Baviera (Landshut, 1227 –† Greifenburg, 9 ottobre 1273), madre di Corradino di Svevia e con le sovvenzioni di Margherita di Borgogna (Eudes di Borgogna 1250 - †Tonnere 4 settembre 1308) , seconda moglie di Carlo I d’Angiò (21 marzo 1226 –† Foggia, 7 gennaio 1285); il campanile tirato su dall’architetto Giovan Giacomo di Conforto (Napoli, 1569 – †Napoli, 1630) e dal frate domenicano fra’Vincenzo Nuvolo(al secolo Giuseppe Nuvolo:Napoli, 1570– †Napoli,1643) che lo coronò con la cella ottagonale e la cuspide a pera carmosina, è uno dei monumenti piú famosi e riconoscibili della città partenopea.
24.FÀ ‘NA REVERENZIA CU ‘A PALA. soprattutto nell’espressione Te faccio ‘na reverenzia cu ‘a pala!
Fare una riverenza con la pala. Espressione minacciosa ed ironica nata in ambito contadino allorché i lavoranti la terra del signorotto erano soliti inchinarsi al passaggio di costui stringendo sempre nelle mani lo strumento del loro lavoro, nella fattispecie una vanga, quasi a significare che essi erano sempre pronti a servirsene come mezzo d’offesa vendicativa qualora quel loro padrone li avesse maltrattati o vessati. Dall’àmbito rurale l’espressione passò poi ad avere una valenza piú generale e venne usata ad avvertimento e monito nei confronti di chiunque si comportasse in maniera oppressiva per significargli che si era pronti alla ritorsione.
reverenzia s.vo f.le in primis riverenza, inchino
(per traslato) deferenza, ossequio, riguardo; voce dritto per dritto dal lat. reverentia(m), deriv. di reverens -entis 'riverente'
cu preposizione semplice che corrisponde all’italiano con in tutte le sue funzioni ed accezioni :
1) esprime relazione di compagnia, se è seguito da un nome che indica essere animato (può essere rafforzato da insieme): è partito cu ‘o pato ; à magnato cu ll’ amice; campa (‘nzieme) cu ‘a sora; se ne jeva passianno cu ‘o cane ;
2) in senso piú generico, introduce il termine cui si riferisce una qualsiasi relazione: s’è appiccecato cu ‘o frato; à sfugato cu mme;
3) con valore propriamente modale: restà cu ll’uocchie nchiuse; vulé bbene cu tutto ‘o cuore; trattà cu ‘e guante gialle( cioè con rispetto e dedizione quelli dovuti ai nobili che usavano indossare guanti di camoscio in tinta chiara) | con valore tra modale e di qualità: pasta cu ‘e ssarde; stanza cu ‘o bbagno; casa cu ‘o ciardino;
4) introduce una determinazione di mezzo o di strumento: cu ‘a bbona vulontà s’ave tutto; ‘o vino se fa cu ll'uva; scrivere cu ‘a penna stilografica; partí cu ‘o treno ;
5) indica una circostanza, stabilendo un rapporto di concomitanza: nun ascí cu ll’acqua!;
6) può avere valore concessivo o avversativo, assumendo il significato di 'non ostante,a malgrado': cu tutte ‘e guaje ca tène, riesce ancòra a ridere; cu tutta ‘a bbona vulontà, ma è proprio ‘mpussibbile. L’etimo della preposizione a margine è dal lat. cum. Rammento qui e valga anche a futura memoria che tutte le parole che abbiano un etimo da voce latina terminante per consonante (che nella parola formata cade) non necessitano di alcun segno diacritico in quanto il segno diacritico dell’apocope (accento o apostrofo) è necessario apporlo graficamente quando a cadere sia una sillaba e non una o due consonanti; nel caso in esame cum dà cu e non l’inesatto cu’ che spesso mi è occorso di trovare negli scritti anche di famosi autori, accreditati da qualcuno (ma evidentemente a torto) d’essere esperti della parlata napoletana, autori che invece ànno spesso marcato o marcano erroneamente  il loro napoletano sulla sintassi e la grammatica dell’italiano Ciò che ò appena detto vale anche per la preposizione seguente cioè
pe che (con etimo dal lat. per) corrisponde all’italiano per in tutte le sue funzioni ed accezioni.

pala s.vo f.le 1in primis pala, vanga;
2 (per traslato) qualsiasi attrezzo d’uso contadino;
3 (per ampiamento semantico) utensile di legno di varie dimensioni usato da fornai e/o pizzaioli per infornare e poi prelevar dal forno pane e/o pizze; rammento che dal s.vo pala in questa terza accezione se ne ricavarono i nomi indicanti alcune pezzature di pane: palatone, palata e palatella: ‘o palatone è il grosso filone di ca 2 kg., bastevole al fabbisogno giornaliero di una famiglia numerosa, il suo nome gli derivò dal fatto che un tempo, al momento di infornarlo, detto filone occupava quasi per intero la lunga pala usata alla bisogna; la palata è invece il filone il cui peso non eccede 1 kg.(ma in origine fu di 28 once cioè ca 680 grammi e poi al tempo della rivoluzione di Masaniello(7 - 16 luglio 1647), fu portata a 36 once di poco superiore cioè al peso di 1 kg.) ed occupava la metà della pala per infornare; un quarto o meno della pala occupano le cosiddette palatelle (piccoli filoncini da 500 o 250 gr.); altri nomi della pezzatura del pane esulano dal riferimento alla pala : ‘o paniello o ‘a panella (etimologicamente dal latino panis + i suffissi di genere iello o ella ); per ambedue si tratta di un’ampia pagnotta rotondeggiante di ca 1 kg.; cocchia che(con derivazione dal lat. cop(u)la(m)→cocchia), sta per coppia in quanto in origine fu un tipo di pane formato da due palatelle accostate ed unite al momento della lievitazione e poi cosí infornate; in seguito pur mantenendo la pezzatura di 1 kg. corrispondente al peso di due palatelle accoppiate, la cocchia prese una sua forma diversa: un po’ piú larga, piú schiacciata e meno lunga della palata. Un’ altra pezzatura ormai scomparsa, ma che fu prodotta sino alla fine del 1600 fu la cosiddetta ciampetella ( voce diminutiva di cianfa/ciampa varianti di zampa tutte dal long. zanka)ed il nome derivò a questa pezzatura di pane croccante di circa 4 etti per il fatto d’avere la forma d’ un ferro di cavallo (in nap. cianfa).
25.FÀ ‘O SECUTASORICE
Fare il perseguita-sorci, comportarsi da gatto.
Détto sarcasticamente di chi sleale, falso ed infido sia incline al tradimento, alla fellonía,mostrandosi in ogni occasione votato al voltafaccia, all’infedeltà, all’inganno, all’imbroglio, alla slealtà, falsità, doppiezza, ipocrisia comportandosi ad un dipresso cosí come il gatto che degli animali domestici al contrario del cane, è quello che offre minori garanzie di fedeltà, attaccamento, lealtà ed è pronto a tradire ed ingannare anche il padrone che lo abbia benificato.Il s.vo m.le e f.le secutasorice è stato coniato per rendere icasticamente la voce gatto aduso ad inseguire i topi per catturali; secutasorice s.vo m.le e f.le = gatto; la voce è etimologicamente il risultato dell’agglutinazione del s.vo m.le sorice con la voce verbale secuta:
secuta voce verbale (3ª pers. sg. ind. pres.) dell’infinito secutà = inseguire, rincorrere; seguire, incalzare, braccare, ma anche tallonare, pedinare etimologicamente da un lat. volg. *secutare frequentativo di sequi;
sorice s.vo m.le = sorcio, topo domestico etimologicamente da un acc.vo lat. sorice(m) di sorex-soricis.

26.FÀ N’ ASCIUTA ‘E QUARTA
Antica icastica espressione che si traduce ad litteram:Fare un’uscita di quarta ma che sarebbe piú opportuno rendere (e chiarirò il perché) con Fare un’uscita da quarta. Si tratta in ogni caso di un’espressione che può avere una doppia valenza a seconda del significato che si attribuisce al sostantivo sottinteso di quarta. E mi spiego;nel caso che con il termine quarta si intenda: quarta fila di palchi, l’espressione significa assumere un atteggiamento esagerato eccedente, enorme, spropositato commisurato alle situazioni in cui ci si trovi coinvolti ; in questo caso l’espressione trae origine dal linguaggio teatrale; quando infatti, in una rappresentazione teatrale, un attore sortito dalle quinte fa il suo ingresso in iscena in maniera eclatante, senza controllare il proprio volume di voce, anzi quasi gridando al segno di poter essere tranquillamente percepito sin nei palchi di quarta fila(situati molto lontano dal palcoscenico ed in alto appena al di sotto del loggione che è la parte piú elevata del teatro, sopra gli ordini dei palchi, dove sono i posti di minor prezzo); in tal caso si dice che l’attore à fatto un’uscita di quarta. Nel caso invece che con il termine quarta si intenda: quarta posizione, l’espressione significa assumere un atteggiamento adirato, arrabbiato, sovraeccitato quasi avvertendo una pericolosa tensione dei nervi,prodromica di reazioni anche violente.; in questo caso l’espressione trae origine dal linguaggio sportivo e precisamente da quello della scherma; infatti nel linguaggio dello schermidore chi si trovi o si ponga in quarta posizione è in una posizione di difesa, ma tesa ed irritata, premonitrice di un possibile attacco con tutte le conseguenze che ne derivano.Piú comunemente, in questa seconda accezione s’usa l’espressione stà ‘nquartato stare inquartato cioè in quarta posizione che è di difesa, ma di preparazione ad un attacco.
asciuta s.vo f.le uscita, sortita, (di un attore sulla scena) apparizione, comparsa; etimologicamente part. pass. f.le sostantivato dell’infinito ascire/ascí = uscire che è dal tardo lat. abexire→*a-(be)xire→assire→ascire;
quarta s.vo o agg.vo f.le
1 la quarta classe di un corso di studi: la quarta elementare
2 la quarta parte della circonferenza dell'orizzonte
3 (mar.) la trentaduesima parte della rosa dei venti, pari a 11ª 15'
4 (mus.) intervallo di quattro gradi della scala diatonica
5 nei cambi di velocità di autoveicoli e motoveicoli, la quarta marcia: ‘ngranà ‘a quarta(innestare la quarta) | partí ‘nquarta(partire in quarta), (fig.) intraprendere qualcosa con baldanza, con irruenza
6 la quarta fila delle poltrone o dei palchi in teatro,
7una delle posizioni di guardia della scherma; anche, una posizione della danza classica,
8 (dir.) nel diritto romano, quarta parte dell'eredità del marito che spettava alla vedova priva di dote;
voce marcata al femminile dal lat. quartu(m), corradicale di quattuor 'quattro'

27. ASCÍ 'A VOCCA Ê CANE E FERNÍ 'MMOCCA Ê LUPE
Ad litteram: scampare alla bocca dei cani e finire in quella dei lupi. Maniera un po' piú drammatica di rendere l'italiano: cader dalla padella nella brace: essere azzannati da un cane è cosa bruttissima, ma finire nella bocca ben piú vorace di un lupo, è cosa ben peggiore.
28.JÍ ASCIANNO PAGLIA PE CCIENTO CAVALLE
Volere paglia per cento cavalli Id est Accampare pretese enormi, fare richieste esorbitanti che con tutta probabilità non potranno mai essere soddisfatte; Espressione di contrarietà estrema riferita a commento del comportamento di persone esose, avide, ingorde quando non voraci o insaziabili; l’espressione è usata a fronte di una richiesta evidentemente spropositata ; l’origine di détta locuzione risale a diversi secoli addietro, quando il possesso di un cavallo era simbolo di notevole abbienza economica, sia per il costo dell’animale che per la dispendiosità delle quotidiane cure che il quadrupede necessitava ; va da sé ed è evidentissimo quindi che, se già il mantenimento di un solo cavallo era un onere che pochissimi potevano affrontare, pensare di mantenerne cento era assolutamente impensabile, tanto elevato era il patrimonio che sarebbe necessitato, ed ancóra piú impensabile il fare richiesta a terzi di procurare gratuitamente la paglia bastevole a cento bestie. Ovviamente l’espressione è usata estensivamente in tutti i casi di richieste spropositate, esagerate, sproporzionate, smisurate che con tutta probabilità non potranno mai essere soddisfatte.
jí ascianno espressione verbale andar cercando cioè volere, pretendere;
= andare infinito del verbo jí/jire dal latino ire;
ascianno = cercando ; voce verbale (gerundio) dell’infinito asciare/ ascià= cercare con impegno, quasi affannosamente con etimo dal lat. volgare adflare→afflare =annusare con il normale esito fl→sci;


29.LL’ È GGHIUTO A ALLICCHETTO
oppure A LLICCHETTO o anche LL’ È GGHIUTO A CCIAMMIELLO.
Letteralmente in ambedue i casi :Gli è andata alla perfezione; locuzione riferita a tutte quelle cose che evolvono positivamente, quasi perfettamente con riferimento al loro stato di tenuta richiamante quello di un valido lucchetto, oppure con riferimento al riuscito stato di forma che richiama una ben costrutta ciambella.
allicchetto/a llicchetto avverbio modale a mo’ di lucchetto cioè perfettamente
Da notare come l’espressione a licchetto (a mo’ di lucchetto) si sia fusa in allicchetto trasformandosi in un avverbio modale (alla perfezione) ;
licchetto s.vo m.le lucchetto, catenaccio, chiavistello, chiavaccio (dal fr. loquet, dim. del fr. ant. loc 'catenaccio')
ciammiello s.vo m.le ciambella, focaccina in forma di corona circolare, berlingozzo ; l’espressione a ciammiello vale alla perfezione poiché la focaccina per esser détta ciambella deve necessariamente aver la forma di una corona circolare cioé la pasta che sostanzia la focaccia deve esser diposta circolarmente intorno ad un buco centrale ; quando questo manchi ( cfr. non tutte le ciambelle riescono con il buco!) ecco che il dolcetto non può arrogarsi il nome di ciambella ; viceversa quando il buco esista il dolce risulta bene acciambellato, riusulta cioé esser fatto alla perfezione, a ciammiello. etimologicamente ciammiello è voce che - a mio avviso – è un prestito del dialetto abruzzese ciambelle→ciammelle→ciammiello (focaccina di farina di frumento cotta alla brace) piú che un derivato dal lat. *cymbellu(m) diminutivo di cýmbalum = cembalo, antico strumento a percussione, simile ai moderni piatti, usato dai coribanti nei baccanali, tamburello; strumento che semanticamente non à nulla da spartire con il dolce a forma d’anello qual è il ciammiello/ciammella.
30. FURIA FRANGESE E RRETIRATA SPAGNOLA!
Impetuosità francese e ritirata spagnola! Lo si dice di tutte le cose fatte con eccessiva veemenza e/o premura; l’espressione la si riferisce a chi tenga atteggiamenti comportanti pressappochismo, approssimazione, faciloneria, superficialità; va da sé che le azioni di costoro son destinate all’insuccesso o implicano un grave, ma inconferente dispendio d’energie. La locuzione molto datata (metà del XVI sec.) prende a divertito modello due consueti atteggiamenti, l’uno (attacchi forsennati, furiosi e spesso scriteriati) dell’esercito francese, l’altro (ritirate repentine, impreviste, inaspettate lasciandosi alle spalle terra bruciata) dell’esercito spagnolo. Da questa consuetudine iberica nacque anche l’espressione
30.bis ABBRUSCIÀ ‘O PAGLIONE.
Ad litteram: bruciare il pagliericcio id est: far terra bruciata attorno a qualcuno. Grave minaccia con la quale si comunica di voler procure a colui cui è rivolta un grave anche se non specificato danno; la locuzione rammenta ciò che erano soliti fare gli eserciti sconfitti , in ispecie quelli spagnoli che, nell’abbondonare repentinamente l’accampamento fino a quel momento occupato, usavano bruciare tutto per modo che l’esercito sopravveniente non potesse averne neppure un sia pur piccolo tornaconto.Oggi la locuzione in epigrafe è usata per minacciar imprecisati ma totali danni; epperò in senso traslato e furbesco l’espressione è usata anche – contrariamente a quanto ò or oa détto – per minacciare un ben preciso, oltraggioso danno cioè quello di sodomizzare il minacciato: infatti in quest’ultimo senso il termine paglione in luogo di pagliericcio vale furbescamente: culo, sedere, fondoschiena.
abbruscià= ardere, bruciare, tendere al bruciore; etimologicamente da un tardo latino *ad-brusiare→abbrusiare→abbrusciare = bruciare, tendere al bruciore, con tipica palatalizzazione di si→sci come per simia→ scimmia;
paglione =
1.pagliericcio, materasso della truppa, ma anche
2.saccone contenente le c.d. sbreglie: scartocciatura delle pannocchie (la voce sbreglia è un derivato, per successivi adattamenti del prov. sbregar= frammentare, in quanto la scartocciatura delle pannocchie è una sorta di frammentazione delle foglie.);
3. per traslato furbesco) culo, sedere, fondoschiena ;
la voce paglione deriva da paglia (lat. palea) in quanto quegli antichi materassi per la truppa erano riempiti non di lana ma di paglia; come ò precedentemente accennato la voce a margine oltre che nel senso di pagliericcio, materasso della truppa, saccone viene usata nel linguaggio gergale e furbesco per indicare il culo,il sedere, il fondoschiena che se sottoposto ad una oltraggiosa pratica sodomitica,finirebbe figuratamente per ardere, sottoposto ad una sensazione dolorosa causata da calore, scottatura, infiammazione, insomma da un bruciore tanto da giustificare l’espressione abbruscià ‘o paglione!
30 ter TENÉ ‘A CÓRA ‘E PAGLIA.
Ad litteram: Avere la coda di paglia. Id est  Avere un comportamento tale da indurre i terzi a sospettare  di trovarsi ad avere a che fare con persona che non abbia la  la coscienza pulita,in quanto ci si  allarmara alla prima allusione sfavorevole, ci si  discolpa senza essere stati accusati, reagendo con eccessiva ed inusitata velocità o violenza verbale a critiche od osservazioni, quasi si prenda celermente  fuoco", proprio come la paglia. Si raccontava, in un’antica favola contadina  che una giovane volpe fósse caduta  disgraziatamente in una tagliola; pur riuscendo  a fuggire,  gran parte della coda le rimase presa e l’animale la cui bellezza stava tutta nella coda  si vergognava di farsi vedere in giro  con quell’antiestetico brutto mozzicone. Gli animali amici  che la conoscevano e sapevano del suo disagio ne  ebbero pietà e le costruirono una coda di paglia. Pare che tutti mantenessero il segreto tranne un galletto che disse la cosa in confidenza a qualcuno e, di confidenza in confidenza, la cosa fu saputa dai padroni dei pollai, i quali accesero un po' di fuoco davanti ad ogni stia. La volpe, per paura di bruciarsi la coda, evitò di avvicinarsi alle stie. Da quel momento si usò dire che avesse la coda di paglia chiunque,commessa una  qualche birbonata, temesse  di essere scoperto e si comportasse guardingamente, come pure si usa dire che abbia la coda di paglia chiunque ritenga e tema  che taluni  inusitati atteggiamenti e/o comportamenti di un suo contrattante siano aqscrivibili a lui (responsabile di una qualche malefatta tenuta nascosta e di cui declini la paternità).

31. RROBBA 'E MANGIATORIO, NUN SE PORTA A CCUNFESSORIO
Ad litteram: faccende inerenti il cibarsi, non vanno riferite in confessione. Id est: il peccato di gola... non è da ritenersi un vero peccato da confessare ; a malgrado che la gola sia uno dei vizi capitali, per il popolo napoletano, atavicamente perseguitato dalla fame, non si riesce a comprendere come sia possibile ritenere peccato lo sfamarsi anche lautamente... ed in maniera eccessiva.
32.ME PARE ‘O PUORCO CU ‘A SPICA ‘MMOCCA Sembra un maiale con una pannocchia in bocca
Icastica espressione usata per sarcastico dileggio di persona (uomo o piú spesso donna) panciuta, corpacciuta, ma paciosa appaiata per la sua pinguedine ad un maialetto cucinato e servito in tavola tutt’intero con in bocca infilata una pannocchia di granturco bollita salata ed unta di grasso;
me pron. pers. di prima pers. sg.corrispondente all’italiano mi
1 me, a me; forma complementare atona del pron. pers. io, si usa come compl. ogg. e come compl. di termine (come nel caso che ci occupa) quando non si vuol dare loro particolare rilievo, in posizione sia enclitica sia proclitica: tu me cazzie sempe!(tu mi rimproveri sempre); m’à scritto ajere(mi à scritto ieri); eccume arrivato (eccomi giunto); vedennome arrivà (vedendomi arrivare); diciteme si è overo(ditemi se è vero) | è anche usato in presenza delle forme pronominali atone la, lo, li, le e della particella ne(nn’): me ll’à cuntato (me lo à raccontato); me nn’ à parlato(me ne à parlato) | si usa nella coniugazione dei verbi pronominali: me vesto, me lavo ‘e mmane, me ne pento(mi vesto,mi lavo le mani,mi pento di ciò); m’ero scurdato(mi ero dimenticato);
2 esprime intensa partecipazione affettiva di chi parla all'azione espressa nel discorso (cosiddetto «dativo etico»): che mme dice maje?(che mi dici mai?); stàmmete bbuono(stammi(ti) bene)
3 con valore rafforzativo: A mme me pare ca (a me mi pare che)ma in italiano è forma che i puristi bocciano...
pare = sembra, pare, è simile a;  voce verbale (3ªpers. sg. ind. pres.)dell’infinito paré sembrare,parere, apparire, figurare; somigliare, assomigliare; etimologicamente deriva dal latino volg. *paríre→parere = apparire,manifestarsi come ;
puorco s.vo m.le 1. in primis porco, maiale, suino ; 2 (non com.) carne di maiale: sacicce ‘e puorco(salsicce di maiale);
3 (figuratamente ) persona che fa o dice cose oscene.
spica s.vo f.le spiga (segnatamente quella di granturco), ma anche spiga di grano,orzo, avena ed altri cereali voce dal lat. spica(m), propr. 'punta';
‘mmocca = in bocca locuzione di stato in luogo formata dalla preposizione in + il s.vo vocca/bocca ; rammento che nel napoletano la preposizione in usata in posizione protetica di sostantivi e/o avverbi viene agglutinata con essi assumendo la forma aferetica di ‘n (ad es.: in terra→’nterra, in cielo→’ncielo, in sopra→’ncoppa, in giú→’nsotto) e talora di ‘m davanti alla consonante consonante occlusiva bilabiale sorda (p) (cfr. ‘mparaviso = in paraviso ) o davanti all’ occlusiva bilabiale sonora (b) davanti alla quale dà luogo ad assimilazione progressiva (cfr. ad es.in bocca→ ‘mbocca→’mmocca ).


33. QUANNO ‘A MUGLIERA È BBELLA E BBONA O ‘NCANNACCATA E ‘O MARITO È CHIACHIELLO, SPONTANO SEMPE ‘E CCORNE
Quando una moglie è procace e piacente o (troppo)ingioiellata ed il marito è sciocco o bonaccione, spuntano sempre le corna
Id est:la moglie procace e sfrontata o eccessivamente provvista di gioielli vistosi d’un marito fesso e credulone, prima o poi lo tradirà.
bbella e bbona = bella ed appetibile; bbella è il femm. di bello che è dal tardo lat. bellu(m) 'carino', in origine dim. di bonus 'buono' ed à il consueto significato attribuito a ciò che è dotato di bellezza o che suscita ammirazione, piacere estetico; mentre bbona (femm. di buono) nel significato a margine non vale conforme al bene; onesta, moralmente positiva, che à mitezza di cuore, mansueta, bonaria e non vale neppure abile, capace; oppure détto di cosa: utile, efficace, efficiente ma - pur mantenendo l’etimo dal lat. *bonam=buona – sta per piacente, appetibile, che risveglia i sensi; da rammentare poi che in napoletano esiste un’espressione formata apparentemente da due agg.vi m.li, ma chè è invece un’espressione avverbiale temporale; l’espressione è bbello e bbuono che non si riferisce a persona o cosa di genere maschile, esteticamente gradevole o moralmente positiva, ma è, come ò anticipato un’ espressione avverbiale con valenza temporale e sta per all’improvviso con riferimento ad una situazione che da positiva (bella e buona) che era si sia mutata d’improvviso in maniera negativa es.: bbello e bbuono s’è miso a chiovere(d’improvviso è cominciato a piovere); ‘ncannaccata = ingioiellata;part. pass. f.le agg.vato dell’infinito ‘ncannaccà= provvedere di collane denominale da in→’n + cannacca (dall’arabo hannaqa= monile, collana);
chiachiello agg.vo e sost. m voce quasi desueta che indicò in primis un uomo di bassa statura e poi per estensione semantica lo sciocco credulone, il babbeo di nessuna personalità,l’inetto, l’incapace, il mancator di parola, il bonaccione, il banderuola aduso a mutar continuamente parere ed intenti e pertanto un essere inetto,spregevole, persona di scarsa serietà; quanto all’etimo si può supporre una base lat. cloac(u)la + il suff.masch. iello oppure, ma meno probabilmente,da collegarsi al greco kophòs=babbeo voce che però già diede il seguente chiafèo morfologicamente piú rispondente alla derivazione dalla voce greca;
chiafeo: antichissima voce, quasi desueta che indica lo sciocco, il grullo, il melenso etimologicamente da collegarsi al greco kophòs = babbeo, attreverso l’aggettivo kophàîos;

34. DDOJE FEMMENE E 'NA PAPERA ARREVUTAJENO NAPULE.alibi anche  ‘NA FEMMENA E 'NA PAPERA ARREVUTAJENO NAPULE.
Ad litteram: Due donne ed un'oca misero a soqquadro Napoli. Alibi anche: Una donna ed un’oca misero a soqquadro Napoli   Uno dei consueti motti antimuliebri (presentato in duplice versione di cui la seconda molto piú sarcastica)  dell' antica cultura partenopea, motto nel quale si pogono in ridicolo le donne ritenute cosí eccessivamente rumorose e/o ciarliere al segno che bastano due donne o addirittura una sola donna ed una starnazzante oca per scatenare un putiferio che può giungere addirittura a coinvolgere un'intera città.Non dimentichiamo che le starnazzanti oche (qui papere) del Campidoglio difesero la città di Roma quando nel 390 a.C. [ o per alcuni, nel 387 a.C.] con il loro starnazzare destarono il valoroso Marco Manlio che lanciò l’allarme come rammentato nell’episodio dell’assedio della città da parte dei Galli comandati da Brenno; nè è dato sapere con certezza, anche se  è ipotizzabile, se le oche sacre a Giunone fossero governate da donne che gridando si unirono alle oche.
ddoje = due agg.vo f.le al m.le duje/dduje ( dal lat. m.le duo, f.le duae)
fémmene s.vo f.le pl. di fémmena
1 nome generico di ogni individuo umano o animale portatore di gameti femminili atti a essere fecondati da quelli maschili, e quindi caratterizzato dalla capacità di partorire figli o deporre uova
2essere umano di sesso femminile; donna, bambina;
3 parte di un congegno destinata a riceverne un'altra nel suo interno
( voce dal lat. femina(m), voce connessa con fecundus 'fecondo' con raddoppiamento espressivo della consonante nasale bilabiale (m) postonica tipico nello parole sdrucciole)


papera s.vo f.le
1 oca giovane e pingue | (fig.) donna sciocca e ciarliera
2 (fam.) errore commesso parlando in pubblico o recitando; anche, lapsus: fà, piglià ‘na papera (fare, prendere una papera); la voce etimologicamente è la femminilizzazione del s.vo papero (che piú che voce onomatopeica penso sia dallo spagnolo papero da collegarsi al tardo latino paparu(m).
A proposito della necessità di avere due termini simili, ma di genere diverso, rammento che in napoletano un oggetto (o cosa, animale etc. quale che sia) è inteso se maschile piú piccolo o contenuto del corrispondente femminile; abbiamo ad . es. ‘a tavula (piú grande rispetto a ‘o tavulo piú piccolo ),‘a tammorra (piú grande rispetto a ‘o tammurro piú piccolo ), ‘a cucchiara(piú grande rispetto a ‘o cucchiaro piú piccolo), ‘a carretta (piú grande rispetto a ‘o carretto piú piccolo ); ),‘a canesta (piú grande rispetto a ‘o canisto piú piccolo ), fanno eccezione ‘o tiano che è piú grande de ‘a tiana e ‘o caccavo piú grande de ‘a caccavella. Nella fattispecie ‘o papero è animale morfologicamente piú piccolo o meno pasciuto de ‘a papera che è più grossa e/o pasciuta.
arrevutajeno = misero a soqquadro voce verbale 3ª pers. pl. pass. rem.) dell’infinito arrevutà = rivoltare, mettere a soqquadro, mettere in gran disordine; etimologicamente deverbale del lat. volg. *volutare→ad+revolutare→arrevolutà→arrev(ol)utà→arrevutà, intensivo di volvere 'volgere'
Napule nome della città partenopea (dal greco Neapolis = città nuova, nome che fece seguito a quello di Palepoli = città vecchia che fu quella fondata tra il IX e l'VIII secolo a.C. da coloni greci sulle pendici del monte Echia).
35.PARE ‘A MUSECA D’ ’A BARRA OPPURE ‘A MUSECA CIAPPUNESA
Sembra la musica di Barra o la musica giapponese. Cosí i napoletani - abituati a ben altre armoniche melodie – sogliono sarcatimente riferirsi a riunioni piú o meno rumorose e fastidiose ed altresí definire quelle accozzaglie di suoni e rumori in cui vengon coivolti strumenti musicali, ma che con la vera musica ànno ben poco da spartire. Quando ancóra esisteva la magnifica festa di Piedigrotta, spesso a Napoli per la strada si potevano incontrare gruppetti di ragazzi che producevano una dissonante musica, détta: musica giapponese, servendosi di particolari strumenti musicali popolari quali: scetavajasse, triccabballacche, tamburelli,trombette,zufoli, zerrizzerre e caccavelle/putipú ; uno dei gruppetti piú noti fu quello proveniente dal popoloso e popolare quartiere di Barra(un quartiere di Napoli, situato nella zona orientale della città, sulle pendici occidentali del Vesuvio.); il gruppetto numerosissimo e rumorosissimo, formato da monelli forniti di quei strumenti or ora elencati, soleva recarsi a piedi e suonando , quasi in processione, alla festa di Piedigrotta che si svolgeva in zona opposta a quella del loro quartiere di provenienza;
scetavajasse, s.vo m.le tipicissimo strumento musicale popolare napoletano, che per il modo con cui è sonato fa pensare ad una sorta di violino, sebbene non abbia corde o cassa armonica di risonanza; esso è essenzialmente formato da due congrue aste lignee di cui una fornita di ampi denti ricavati per incisione lungo tutta la faccia superiore dell’asta corredata altresí di numerosi piattelli metallici infissi, ma non fissati e lasciati invece liberi di ondulare, con chiodini lungo le facce laterali della medesima asta; l’altra asta usata dal sonatore a mo’ di archetto viene fatta scorrere contro i denti della prima asta (tenuta poggiata ,quasi a mo’ di violino, contro la clavicola) per ottenerne uno stridente suono, facendo altresí vibrare ritmicamente i piattelli nel tipico onomatopeico nfrunfrú.
Lo strepitío di detto strumento gli à fatto ottenere il nome di scetavajasse che ad litteram suonerebbe: desta-fantesche.
Non mette conto illustrare l’origine del verbo scetà che troppo facilmente è riconducibile al latino excitare; piú interessante è dire di vajassa che è la serva, la fantesca;voce che proviene dall’arabo: baassa attraverso il francese bajasse da cui in toscano : bagascia= meretrice. Rammenterò ancóra che con termine vajassa il napoletano designa anche qualsiasi donna sciatta, scostumata, sporca, quando non laida ed addirittura affetta di contagiose malattie come è nell’espressione: Sî ‘na vajassa d’’o rre ‘e Franza che è letteralmente: Sei una serva del re di Francia. La frase è un’offesa gravissima che si può rivolgere ad una donna e con essa frase non solo si intende dare della puttana alla donna, ma accusarla anche di essere affetta dalla sifilide o lue .
Tale malattia è stata nei corso dei secoli chiamata dai napoletani mal francese, morbo gallico o celtico; i napoletani sostenevano infatti che detto morbo fosse stato importato in Napoli dai soldati al seguito di Carlo VIII(assedio di Napoli 1494). Per converso il morbo era detto dai francesi mal napolitano poiché affermavano che il morbo era stato diffuso tra i soldati francesi di Carlo VIII dalle prostitute partenopee.
A margine di questa voce voglio ricordare una parola che, di per sé non entrerebbe nella trattazione, come che estranea agli strumenti musicali; essa parola è bardascia che una vaga assonanza con bagascia potrebbe indurre i meno esperti della parlata napoletana a collegarla al termine vajassa; in realtà i due termini non ànno nulla da spartire fra di loro; abbiamo visto quale sia la portata di vajassa: serva, donna sciatta o addirittura puttana; la bardascia è invece null’altro che la ragazza e spesso la si poteva incontrare nel simpatico diminutivo – vezzeggiativo bardascella.
L’ etimologia di bardascia è originariamente dal persiano bardal attraverso l’ arabo: bardağ che è propriamente la prigioniera, la schiava giovane ed estensivamente la ragazza cosí come nell’ idioma napoletano.

triccabballacche, s.vo m.le tipico strumento musicale popolare usato in quasi tutta l’Italia centro –meridionale e non solo dai piccoli concertini rionali popolari, ma anche da piú vaste formazioni addirittura di tipo bandistico, sia pure – in questo caso - surdimensionato; esso è costituito da un’ asta lignea fissa alla cui sommità insiste una testa a forma di parallelepipedo, contro di essa vengono ritimicamente spinte analoghe teste di due aste mobili incerneriate alla base di quella fissa; le teste per aumentare il clangore dello strumento sono provviste dei soliti piattelli metallici.
Per ciò che concerne l’etimologia propendo per un’origine onomatopeica (lo strumento è molto rumoroso…), poco convincendomi una derivazione per adattamento dal turco tümbelek; troppo tortuosa mi pare la strada semantica e quella morfologica da percorre per giungere a triccabballacche, partendo da un tümbelek che comunque è un tamburo di rame, molto piú simile ad un timpano (strumento musicale e casseruola di rame stagnato in cui si approntavano timballi o timpani di pasta farcita) che ad un triccabballacche.
caccavella s.vo f.le conosciuta anche con il nome onomatopeico di putipú. Tale strumento in origine era formato essenzialmente da una pentola di coccio, pentola non eccessivamente alta, ma di ampia imboccatura sulla quale era distesa una pelle d’ovino, pelle che debordando dalla bocca era fermata con stretti giri di spago, per modo che si opportunamente tendesse; al centro di detta pelle in un piccolo foro è infissa verticalmente un’assicella cilindrica (originariamente una sottile canna) che soffregata dall’alto in basso e viceversa con una pezzuola o una spugnetta bagnate permette di trasmettere le vibrazioni alla pelle che, è tesa sulla pentolina che fa da cassa di risonanza per modo che se ne ottenga il caratteristico suono ( put-pù,put-pù), vagamente somigliante a quello prodotto dal contrabbasso, suono che per via onomatopeica conduce al putipú che, come ò detto, è l’altro nome con cui è conosciuta la caccavella che come tale, quanto all’etimologia, è latina: caccabella(m)=pentolina, quale diminutivo di caccabus = grossa pentola da cui i napoletani trassero caccavo il pentolone della minestra e segnatamente quello usato dai monaci di taluni monasteri per distribuire la zuppa giornaliera ai poveri che la mendicassero; ò parlato di originaria pentola di coccio, giacché attualmente la caccavella, pur usurpando il nome antico, è costruita usando in luogo della pentolina di coccio, tristissime scatole cilindriche di latta e la pelle non è piú ovina, ma squallidamente sintetica di tal che è piú opportuno chiamare questo indegno strumento putipú lasciando l’originaria caccavella al degnissimo strumento d’antan!


putipú s.vo m.le = lo stesso che la pregressa caccavella; voce onomatopeica.
zerrizzerre s.vo m.le = raganella, strumento/giocattolo che produce un suono particolarmente stridulo (voce onomatopeica);
36.S’È ARAPUTA ‘A PRUFUMMARIA ‘E BERTELLE
Si è aperta la profumeria di Bertelli
Espressione sarcastica da intendersi un senso antifrastico e cioè per significare che si avverte un gran  cattivo odore, espressione usata per commentare negativamente l’apparire di persona (uomo o piú spesso donna) che per mancanza di igiene personale lasci attorno a sé una scia di cattivo odore. In realtà la profumeria di Bertelli fu nel tardo ‘800 – primi ‘900 una rivendita di ottimi profumi prodotti dall’industria di Achille Bertelli(Brescia 1855 -† ivi 1925).Costui fu  un i ndustriale e pioniere dell'aeronautica italiano e fondò (1884) la società A. Bertelli e Co., produttrice di profumi e cosmetici. In campo aeronautico, ideò e costruì un tipo di elicottero; con V. Cordero di Montezemolo ideò (1905-06) un aeromobile a sostentazione mista (statica e dinamica), détto aerostave, che non ebbe però sviluppi pratici. Fu nella seconda metà dell’Ottocento -nel 1888- che Achille Bertelli, reduce da un viaggio in America che si era pagato lavorando a bordo della nave che lo trasportava, diede inizio alla sua attività imprenditoriale. Laureato in farmacia, sperimentò e produsse con grande successo un nuovo rivoluzionario cerotto medicamentoso che per decenni alleviò i dolori alla schiena di milioni di pazienti in tutto il mondo. Rapido fu il passaggio alla cosmesi, con la produzione di saponi profumati e della crema Venus, nome che venne in sèguito attribuito a tutta una serie di prodotti Bertelli; ma fu il fratello Vittorio a dare impulso alla linea cosmetica, subito dopo la prima guerra mondiale, iniziando la produzione di profumi, ciprie e creme per la donna moderna, e aprendo negozi di profumeria nelle maggiori città italiane per la vendita al minuto di prodotti farmaceutici (il famosissimo cerotto Bertelli antinfiammatorio) e successivamente anche dei prodotti di profumeria e cosmesi. Tra i prodotti di cosmesi e profumeria di maggior successo Bertelli sono da ricordare La Rosa, Asso Di Cuori, Ebbrezza Marina e Come Tu Mi Vuoi,che oltre a vincere un premio all’Esposizione di Parigi del 1937 -fatto piú unico che raro per un profumo italiano, in terra di Francia - aveva come testimonial la famosissima attrice Greta Garbo, nome d'arte dell'attrice cinematografica Greta Louisa Gustafsson (Stoccolma 1905 -† New York 1990).
prufummaria s.vo f.le 1 l'arte di preparare profumi; il laboratorio in cui si preparano
2 assortimento di profumi e cosmetici; il negozio in cui essi vengono venduti. voce denominale di prufummo [derivazione di fummo (fumo), in quanto in origine, la parola indicò l’effluvio, il suffumigio con sostanze odorose].

37.SE MAGNA ‘A FRONNA ‘E LAURO E ‘O FECATIELLO
Si mangia (inghiotte) la foglia d’alloro ed il fegatello.
Icastica espressione usata per irridire chi ingordo, smodato nel mangiare e bere, ma anche figuratamente bramoso, avido di qualcosa, abbia un atteggiamento vorace, insaziabile o smodatamente assetato, desideroso, cupido al segno che nella fattispecie dell’espressioni divori con il fegatello, anche la foglia d’alloro usata per aromatizzarlo, ma che normalmente, dopo la cottura va scartata!
fronna s.vo f.le foglia, frasca
( voce dal lat.fronde(m)→fronne(m)→fronna con assimilazione progressiva (nd→nn),
lauro s.vo neutro alloro, 1 albero alto fino a dieci metri, con frutti neri e foglie coriacee aromatiche; per le sue foglie sempreverdi è simbolo della fama e della gloria
2 le fronde e le foglie stesse dell'albero usate come aromatizzante. ( voce dal lat.laure(m)→lauro)
fecatiello s.vo neutro fegatello, pezzetto di fegato di maiale, avvolto nella sua stessa rete (peritoneo), guarnito con una foglia d’alloro e cucinato in padella o allo spiedo. ( voce diminutiva (cfr. il suff. iello) dal lat.ficatu(m)=fegato; da ficatu(m)→ fécato e poi fecatiello).


38.S’È MMARETATA CU ‘NU SCIORE ‘MMOCCA
Ad litteram: Si è sposata con un fiore in bocca Id est: à fatto ricorso a nozze riparatrici, nozze celebrate dopo che la donna fosse stata piú o meno consenzientemente violata: insomma nozze celebrate in extremis. L’espressione decisamente irridente è usata per dir male di donna sulla cui onestà prematrimoniale ci sia di che dubitare, prende comunque le mosse da un’antichissima usanza d’epoca viceregnale(XV-XVI sec.) allorché quando decedesse una ragazza in età da marito le veniva posto una rosa fra i denti. Il rapporto semantico tra quest’usanza ed il significato dell’espressione in esame è da cogliersi nel fatto che le nozze celebrate a riparazione sostanziano una sorta di morte morale della donna che vi debba ricorrere; mentre il rapporto semantico ironico si coglie tenendo presente che la rosa posta tra i denti di una ragazza morta indicava ch’ella era in età da marito, mentre un’eventuale rosa posta tra i denti di una donna violata indicherebbe non la sua giovane età, ma la sua scostumatezza!
‘mmaretata della voce verbale s’è mmaretata è il part. pass. f.le di mmaretà(rse)= sposarsi, prender marito ; a proposito del verbo toscano sposare rammento che essa voce toscana è voce (etimologicamente dal lat. sponsare 'fidanzarsi', deriv. di sponsus, part. pass. di spondíre 'promettere') che, nell’italiano, può essere usata indifferentemente riferita sia all’uomo che alla donna, mentre nella parlata napoletana, d’uso corrente, abbiamo due verbi che traducono lo sposare italiano e sono:
‘nzurà/’nzurarse che si usa riferito all’uomo, mentre riferito alla donna occorre usare ‘mmaretarse.
Analizziamo le singole voci;
‘nzurà/’nzurarse esattamente è prendere in moglie e dunque sposare/sposarsi; il verbo a margine infatti quanto all’etimo è dal latino in + uxorare = prendere in moglie;
‘mmaretà/’mmaretarse è invece prendere marito; va quindi riferito alla donna che sposandosi prende marito; quanto all’etimo è dal latino in + maritus 'marito'; e già il latino ebbe maritare, derivato di maritus 'marito';
Rammenterò ora che nel napoletano, oltre alle voci indicate vi fu un tempo una voce (peraltro non piú in uso, né nel parlato, né nello scritto) che ebbe carattere generico (simile allo sposare toscano ) tanto da fare usare la voce sia riferita all’uomo che alla donna; tale voce fu ‘nguardià/’nguardiarse che significò esattamente prometter nozze ed estensivamente sposare, prender marito o prender moglie.
Di non facile lettura l’etimologia della voce ‘nguardià; la tesi piú convincente è quella che prevede un inguadiare con successiva aferesi dell’ i nella sillaba d’avvio, ed epentesi di una r eufonica; a sua volta inguadiare che è da collegarsi ad inguadalía (promessa di nozze) pare che derivi da un latino in + guadius che è promessa, pegno, fideiussione; taluni traducono l’ inguadiare: porre l’anello all’anulare della mano destra.Non penso che si possa accettare la tesi peregrina di chi volle leggere inguadiare non come derivato da in + guadius , ma da un non perseguibile in + gaudium letto metateticamente gadium forse volendo lasciare intendere che lo sposarsi fosse quasi un pervenire al gaudio; c’è molto poco di scientifico in tale congettura; mi pare piú una paretimologia, che un’etimologia; dissento.
sciore s.vo m.le fiore (voce dal lat. flore(m) con normale evoluzione del lat. fl seguíto da vocale in sci come in flumen→sciummo, flacces→scioccele etc.).
‘mmocca ne ò già detto antea sub 32.


39.SE SO’ APPARATE ‘E VEPPETE E NN’À AVUTA UNA PE BBEVERE E UNA PE SCIACQUÀ!
Ad litteram: Si è provveduto a render pari le bevute e ne à avuto una per bere ed una per sciacquare! Id est: si è impartita una solenne lezione, non lasciando le cose a mezzo, ma redarguendo a fondo ed anche violentemente chi lo meritasse; rammento che nel gergo malavitoso dà ‘na veppeta (dare una bevuta) sta per battere, percuotere, colpire, malmenare, pestare, lisciare con riferimento semantico al cosiddetto giuoco del tuocco/padrone e ssotto o altrove passatella incentrato su bevute collettive di vino che spesso sfociavano in risse con percosse ed accoltellamenti tra i giocatori; la successiva specificazione: una per bere ed una per sciacquare sempre con riferimento a successive percosse fa riferimento ad un’ipotetica situazione in cui sia in atto una deleteria gara di bevute reali tra due persone di cui uno si continua a satollarsi di vino magari accontendandosi di una sciacquatura ossia di vino addizionato d’acqua, o anche di vino puro usato però a mo’ di risciacquo della bocca da una precedente bevuta, e l’altro lo faccia ancóra di piú bevendo senza ritegno come nell’antico giuoco del padrone e sotto (gioco derivato da quello détto tuocco) che si svolgeva nelle bettole tra due giocatori di cui uno – il padrone – poteva imporre o negare all’altro – il sotto – innumerevoli bevute di vino con l’aggravio di dover in ogni caso pagare il vino bevuto.
apparate appaiate, rese pari voce verbale part. pass. f.le dell’infinito apparà= appaiare, render pari; voce denominale di paio/paro che è dal lat. paria, neutro pl. di par paris 'pari';
véppete s.vo fle pl. di véppeta 1 il bere; la quantità di liquido bevuta in una volta:farse ‘na bbella véppeta (fare una bella bevuta), bere abbondantemente; anche iron., quando si nuota.
2 riunione in cui si beve, spec. vino o altri alcolici: Piero ci ha invitato a una bevuta in casa sua.
3 (ironico e gergalecome nel caso che ci occupa) sonora, dura percossa; per soffermarci sull’etimologia converrà dire di
vippeto = bevuto, ubriaco ; è il part. pass. collaterale di vevuto dell’infinito vevere← lat. bibere che diede direttamente vevere con consueta alternanza partenopea di b/v (cfr.barca →varca, botte →vótta, basiu(m)→vaso” ecc.), ma forní anche come deverbale il s.vo f.le veppeta= bevuta attraverso un acc.vo tardo latino bíbita(m)→*bíbbita→bippta→vippta→veppeta; è ipotizzabile che da questo s.vo si sia ricavato il p.pass. víppeto collaterale di vevuto.
Tuttavia si può comodamente ipotizzare anche una diretta provenienza da "bíbere (→ vévere)", il cui regolare participio passato *bíbitum →*bíbb(i)tum (col normale raddoppiamento espressivo di "-b- " intervocalica in parole sdrucciole) → *vipptum (con "pt" per omorganizzazione e poi con l'inserimento della vocale evanescente d'appoggio nel nesso consonantico per ovvia facilitazione della pronunzia)...A meno che un "bíbitu(m)→*vipeto di partenza non abbia subíto raddoppiamento nella consonante della penultima sillaba "-p-" come avviene nelle parole sdrucciole di sviluppo popolare nell’idioma napoletano e nel dialetto fiorentino-italiano: cfr. "fémina(m) → fémmena/femmina, pàrochu(m)→parroco/parrucchiano, hòmines→*hòmini→ uómmene, públicu(m)→pubblico" ecc. (senza dimenticare che nel Medioevo anche la grafia di "Africa" sia risultata il petrarchesco "Affrica").
bévere/vévere = bere, assumere liquidi (dal lat. bibere con alternanza b→v nella seconda sillaba ed assimilazione regressiva nella morfologia vevere ;
sciacquà = sciacquare, lavare sommariamente con acqua; lavare con acqua una cosa già lavata per toglierne i residui di detersivo o di sapone: sciacquà ‘e piatte, ‘e panne(sciacquare i piatti, i panni) |sciacquarse ‘a vocca ( sciacquarsi la bocca), fare sciacqui con acqua o con una soluzione medicamentosa; per estens., bere una piccola quantità di qualcosa; ironicamente riferire i fatti altrui.(dal tardo lat. (e)xacquare per il classico (e)xaquare) talora è usato per significare impotenza, difettosità come nel caso che riferito ad es. ad un uovo non del tutto sviluppato, ne indica la incompletezza e dunque sia un uovo lento, molle e senza vigore; alla medesima stregua l’aggettivo sciacquo riferito ad un uomo lo significa difettoso, impotente, privo di vigore tal quale un vino allungato con troppa acqua, e come tale costretto ad un’azione lenta, molle, senza vigore e/o decisione.
40 . TIRARSE ‘A CAUZETTA
Ad litteram: tirar su la calza Id est: estraniarsi da una vicenda, star sulle proprie, disinteressandosi di ciò che avviene attorno; ma anche: lasciarsi molto pregare o attendere prima di concedere alcunché; la locuzione richiama l'abitudine che avevano le iberiche persone di medio-alto rango che negli anni del 17ª secolo, erano usi indossare lunghe calze di seta, e per distinguersi da quelli di piú basso ceto, che indossavano calze corte o cadenti, usavano tirarle continuamente verso il ginocchio. Tali altolocati personaggi erano quelli che, per abitudine evitavano di interessarsi a ciò che accedeva intorno a loro sia per non lasciarsi coinvolgere sia per non esser fatti destinatari di richieste o aiuti ai quali - comunque - avrebbero provveduto solo dopo molte preghiere.
tirarse forma riflessiva del verbo tirà = tirare, imprimere a qualcosa o a qualcuno un movimento per tenderlo, avvicinarlo a sé, trascinarlo nella propria direzione (voce dal lat. volg. *tirare, alterazione del class. trahere 'trarre';
cauzetta s.vo f.le dim. di calza 1calza lunga da uomo | fà ‘a cauzetta (fare la calzetta), lavorare a maglia; (figuratamente) si dice di donne che si dedicano esclusivamente alle faccende domestiche;
2 calza di seta da donna;
3 meza cauzetta (mezza calzetta), (fig. spreg.) persona di scarse capacità, di modesta levatura.
etimologicamente diminutivo (cfr. il suff. etta) del lat. mediev. calcea(m), dal class. calceus 'scarpa, stivaletto';normale nel napoletano l’evoluzione del nesso al + consonante in au (cfr. caldaia→caurara, gelsa→ceuza, altus→auto.



41.SE SCIÒVONO ‘E CANE SI S’ATTACCANO ‘E PPRETE
Ad litteram: Si liberano i cani se si uniscono le pietre.
L’espressione sostanzia una sorta di avveduta norma comportamentale e cioè che in caso di necessità occorre premunirsi, ossia provvedersi di ciò che serva di difesa; nella fattispecie, esemplificando, occorrerà sciogliere i cani ché facciano buona guardia tenendo lontano da una casa in costruzione ladri e/o malintenzionati (camorristi e simili adusi a estorcere alle ditte di costruzioni somme di danaro).Va da sé che il consiglio contenuto nell’espressione di sciogliere i cani cioé di fornirsi di adeguati mezzi di protezione o di deterrenza, possa essere applicato in ogni occasione e non soltanto in caso di costruzioni in atto.
sciòvono = sciolgono voce verbale(3ªpers. pl. ind. pres.)dell’infinito sciòvere = sciogliere,liberare, slegare, slacciare, sbrogliare, dipanare etc.( dal Lat. exsolvere→exso(l)vere→sciòvere, comp. di ex- 'via' e solvere 'sciogliere'
attaccano = (lett.) attaccare, unire fra loro due o piú cose per mezzo di cuciture, legature, sostanze adesive o altro; farle aderire strettamente:...(in unione al s.vo prete(pietre)), innalzare, metter su; voce verbale(3ªpers. pl. ind. pres.)dell’infinito attaccà = attaccare, unire etc. (voce comp. di ad→at e taccare 'apporre la 'tacca' il contrassegno che i mercanti fiorentini apponevano sulle stoffe importate per indicarne prezzo d'origine e costo del trasporto.
prete s.vo f.le pl. di preta = in gen. pietra,rif. alle costruzioni mattone, blocco da costruzione; voce lettura metatetica del lat. . petra(m)→preta(m), che è dal gr. pétra.
42.S’À PIGLIATO ‘E TTÀBBARE
Ad litteram: Si è preso le moine; id est: si è lasciato circuire. Détto sarcasticamente di un/una innamorato/a che non à avuto modo di accorgesi d’esser tradito dalla controparte, irretito/a com’era dalle moine e svenevolezze usategli al fine di ingannarlo/a e tenergli/le celato il tradimento.
tàbbare s.vo f.le pl. di tàbbara = moina, svenevolezza (dallo spagnolo tàbara= filastrocca).
43. JÍ CU ‘O MUSSO DINT’Â MMERDA. variante
JÍ CU ‘A FACCIA DINT’Ô PANECUOTTO
.
Ad litteram: Finire con il muso nello sterco
variante finire con la faccia nel pan cotto.
La locuzione in esame e la sua variante sono usate per significare lo stupido comportamento di tutti coloro che per propria ingenuità o insipienza finiscono per fare meschine figure al pari (cfr. variante) di un bimbo che si sia imbrattato il volto mangiando del pan cotto; la prima parte molto piú dura ed icastica prende a modello il comportamento del maiale che frugando nel porcile alla ricerca di cibo, spesso affonda il muso nei suoi stessi escrementi, e tale comportamento viene appaiato ai presuntuosi atteggiamenti di coloro che abituati a fare i saccenti ed i supponenti spesso vedono le loro affermazioni, se non le loro azioni vanificate queste e contraddette quelle, dalla chiara realtà e finiscono per fare figure cosí meschine da esserne quasi insozzati come un porco dal suo sterco.
jí/ghí = andare, finire etc.;è verbo che à la derivazione dal lat. ire, ed in napoletano son numerose le locuzioni formate con détto infinito jí/ghí .Preciso che in napoletano la grafia corretta dell’infinito è – come ò scritto – jí oppure in talune espressioni ghí/gghí (cfr. a gghí a gghí= di misura) dove la j è sostituita per comodità espressiva dal suono gh; è pertanto assolutamente errato (come purtroppo càpita con la stragrande maggioranza di sedicenti scrittori napoletani noti o meno noti!) rendere in napoletano l’infinito di andare con la sola vocale i talvolta accentata (í) talvolta, peggio ancóra!, seguíta da uno scorretto segno d’apocope (i’); la (i’) in napoletano è l’apocope del pronome io→i’ e non può essere anche l’apocope dell’infinito ire; l’infnito di andare in corretto napoletano è jí oppure in talune esopressioni ghí/gghí cosí come espressamente sostenuto dal poeta Eduardo Nicolardi (Napoli 28/02/1878 -† ivi 26/02/1954) che era solito far coniugare per iscritto in napoletano il verbo andare (jí) a tutti coloro che gli sottoponevano i loro parti… poetici dialettali e quando errassero nello scrivere, vergando (í) oppure (i’) in luogo di jí oppure [ove del caso] in luogo di  ghí, li metteva decisamente alla porta consigliando loro di abbandonare il napoletano e la poesia! A margine rammento che il verbo jí/ghí nella coniugazione dell’indicativo presente (1ª,2ª e 3ª pers. sg.) si serve del basso latino *vadere/vadicare (con sincope dell’intera sillaba de/di) ed à: i’ vaco,tu vaje, isso va, mentre per 1ª e 2ª pers. pl.usa il tema di ji –re ed à nuje jammo, vuje jate per tornare a *va(di)c-are per la 3ª ps. pl che è lloro vanno.
musso s.vo m.le 1(lett.) muso degli animali, la parte anteriore della testa degli animali: il muso del cavallo, del cane
2 (scherz. o spreg.) il viso dell' essereumano; 3 (per metinomia) le sue labbra ; voce dal lat. musu(m)→mussu(m) con raddoppiamento espressivo della fricativa dentale (s);
dint’â = nella prep. art. formata da dinto per in e l’articolo ‘a(la) ; rammento che con la preposizione in in italiano si ànno nel = in+il, nello/a= in+lo/la nelle = in+ le, negli = in+ gli; in napoletano per formare analoghe preposizioni, si fa ricorso alla preposizione impropria dinto (dentro – in dal lat. d(e) int(r)o→dinto); come ò già détto alibi e qui ripeto: le locuzioni articolate formate con preposizioni improprie ànno nel napoletano tutte una forma scissa, mantenendo separati gli articoli dalle preposizioni e mentre nell’italiano s’usa far seguire alla preposizione impropria il solo articolo, nel napoletano occorre indefettibilmente aggiungere alla preposizione impropria non il solo articolo, ma la preposizione articolata formata con la preposizione semplice a ( ad es. nell’italiano si à: dentro la stanza, ma nel napoletano si esige dentro alla stanza e ciò per riprodurre correttamente il pensiero di chi mentalmente articola in napoletano e non in italiano) per cui le locuzioni articolate formate da dinto a e dagli articoli ‘o (lo/il), ‘a (la) ‘e (i/gli/le) saranno rispettivamente dint’ô dint’â, dint’ê che rendono rispettivamente nel/néllo,nélla,negli/nelle. mmerda s.vo f.le =1 escremento, sterco
2 (fig.) cosa che disgusta, persona spregevole, situazione ripugnante | nella loc. agg. ‘e mmerda (di merda), pessimo, spregevole; voce dal lat. merda(m).
faccia s.vo f.le =
1 la parte anteriore della testa umana, dalla fronte al mento; viso, volto:
2(estens.) espressione, atteggiamento del volto;
3 (fig.) apparenza, aspetto;
4 (geom. , min.) ciascuno dei piani che costituiscono la superficie di un poliedro o di un cristallo; voce dal lat. volg. *facia(m), per il class. fací¸e(m) 'forma esteriore, aspetto, faccia', deriv. di facere 'fare'.
panecuotto s.vo neutro zuppa di pane bollito, condita con sale, olio o burro, formaggio grattugiato ed eventualmente altri ingredienti (p. e. uovo o pomodoro fresco) | tené ‘o ppanecuotto ô pizzo d’ ‘e cerevelle(avere il pancotto al posto del cervello), (fig. fam.) essere sciocco. è voce formata per agglutinazione di pane ←pane(m) e l’agg.vo cuotto (part. pass. m.le dell’infinito còcere (dal lat. volg. *cocere, per il class. coquere.
44. SÎ ‘NA BBONA SCORZA ‘E CASO MULLESO
Sei una grossa scorza di formaggio molle
Icastica divertita espressione dalla doppia valenza: A) la si usa in senso antifrastico ed ironico in riferimento a chi sia tanto taccagno ed avaro da non lasciare scalfire neppure la buccia delle proprie sostanze; ò parlato di senso ironico ed antifrastico poi che si sa che i formaggi molli ànno tutti una scorza abbastanza tenera tale da potersi scalfire persino con un’unghia, laddove le sostanze dell’avaro ànno una scorza (protezione) ben piú spessa e dura che non quella tenera d’un formaggio molle. B) usata in senso piú diretto e semanticamente esatto in riferimento a chi sia cosí ammantato di falsità e doppiezza, slealtà, ambiguità che però inutilmente riesce a mascherare atteso che la sua scorza figurata è cosí di poca consistenza da lasciar scorgere facilmente quale sia il suo vero sostrato di individuo finto, ipocrita, inattendibile, infido; delle due valenze, quella che trovo piú confacente alla semantica dell’espressione, è chiaramente quella sub b).
bbona agg.vo f.le del m.le bbuono à un gran ventaglio di significati e può valere conforme al bene; onesta, moralmente positiva, che à mitezza di cuore, mansueta, bonaria ed ancóra abile, capace; oppure detto di cosa: utile, efficace, efficiente ma pure (mantenendo l’etimo dal lat. bona(m)=buona – sta per, come nel caso che ci occupa grossa, spessa ed infine nella locuzione bbella e bbona (bella e buona) vale piacente, appetibile, che risveglia i sensi; da rammentare poi che in napoletano esiste un’espressione che a tutta prima parebbe maschile ed invece è neutra: bbello e bbuono che non si riferisce a persona o cosa esteticamente gradevole o moralmente positiva, ma à una valenza quasi temporale e sta per all’improvviso con riferimento ad una situazione che da positiva (bella e buona) che era si sia mutata d’improvviso in maniera negativa peggiorando;
scorza s.vo f.le
1 rivestimento del fusto e delle radici degli alberi: staccare una scorza di quercia | buccia grossa di alcuni frutti: ‘a scorza d’ ‘e castane; ‘na scorza ‘e limone(la scorza delle castagne; una scorza di limone).
2 (estens.) buccia grossa di formaggi duri
3 (estens.) pelle di alcuni animali, spec. di pesci e serpenti
4 (fig.) pelle dell'uomo (spec. in alcune loc. dell'uso fam.): tené ‘a scorza tosta (avere la scorza dura), sopportare bene le fatiche, gli strapazzi, i malanni
5 (fig.) aspetto esteriore, apparenza: nun guardate â scorza pecché tène ‘o core bbuono!(non badate alla scorza perché à il cuore buono). Voce dal lat. scortea(m) 'veste di pelle', f. sost. dell'agg. scorteus, deriv. di scortum 'pelle'.
casomulleso formaggio a scorza morbida ed a pasta tenera
voce formata dall’agglutinazione del s.vo caso con l’agg.vo mullese:
caso s.vo neutro cacio, formaggio ( dal lat. case(m)),
mullese agg.vo m.le e neutro (di cosa) morbido, molle, soffice, tenero, morbido ( per traslato di persona) debole, fiacco, moscio, imbelle, smidollato; voce dal lat. molle(m) con allungamento espressivo ese (suffisso che continua il lat. volg. esis ed indica appartenenza o qualità): molle(m)+ ese→mollese→mullese.

45.SÎ PPROPETO STRITTO ‘E PIETTO
Sei proprio di petto stretto Détto sarcasticamente di chi sia tanto avaro, taccagno, spilorcio da lesinare persino sull’ampiezza dei vestiti ed indossarne di striminziti piccoli, miseri, cuciti addosso, tali da fare apparire la figura sottile, mingherlina, snella, minuta, delicata, debole come di colui che avesse un petto privo di forme, rinsecchito e smagrito ; va da sé che l’espressione è estensivamente applicabile a chi la propria avarizia e taccagneria la faccia pesare anche in senso morale lesinando non solo gli aiuti materiali (danaro, provvidenze), ma anche quelli spirituali e/o morali(consigli, parole buone, suggerimenti, pareri, avvertimenti, esortazioni, incitamenti.
pròpeto avv.
1 proprio, veramente, davvero, precisamente, sí, per l'appunto (come risposta affermativa o ironica per negare): «Site state vuje?» «Pròpeto!» («Siete stati voi?» «Proprio») per dire di sí; «Site state vuje a pigliarve ‘o ppane?» «Pròpeto comme dice»(«Siete stati voi?» «Proprio come dici» per negare.
2 assolutamente, affatto (come rafforzativo di una negazione): nun tengo pròpeto suonno (non ò proprio sonno); nun è pròpeto overo! ( non è proprio vero!); nun ne sapevo pròpeto niente (non ne sapevo proprio nulla);
voce adattamento popolaresco e regionale dell’espressione latina pro-privo→prop(r)ivo→propivo→propito→pròpeto: 'a titolo privato'.
stritto = stretto part. pass. agg.vato m.le dell’infinito strégnere= stringere, premere, comprimere, pressare;voce che è lettura metatetica del lat. stringere→strignere→strégnere
pietto s.vo m.le = 1 la parte anteriore del tronco umano, compresa tra il collo e l'addome | malatia ‘e pietto (malattia di petto), che riguarda i polmoni o i bronchi; esseredebbulo ‘e pietto (essere debole di petto), delicato di polmoni | voce ‘e pietto(voce di petto), quella piú naturale e limpida | do ‘e pietto (do di petto), il piú acuto che può emettere un tenore | metterse ‘na mana ‘mpietto(mettersi una mano al/sul) petto, per attestare la propria onestà, lealtà | vatterse ‘mpietto(battersi al petto), in segno di pentimento, di contrizione piglià coccosa, quaccuno ‘e pietto( ' prendere qualcosa, qualcuno di petto,)(fig.) affrontarlo decisamente, con irruenza stà a ppietto ' (stare a petto), (fig. non com.) reggere al paragone | pietto a ppietto(petto a petto), viso a viso, di fronte.
2 (fig.) cuore, animo: tènere ‘mpietto ‘na cosa, ‘na dicisione(avere in petto un'idea, un proposito) prenderli a cuore
3 le mammelle della donna, il seno| tènere ‘nu criaturo ô pietto(avere un bimbo al petto), allattarlo | tènere, nun tènere pietto(avere, non avere petto), nel linguaggio corrente, avere il seno ben sviluppato o scarso; chella figliola era forte ‘e pietto (quella ragazza era forte di petto), aveva un seno prosperoso
4 la parte del corpo degli animali corrispondente al petto umano | in macelleria, taglio di carne bovina compresa tra il collo ed i lati; negli uccelli, la parte carnosa sopra lo sterno: pietto ‘e pullasto, pietto ‘e vallerinio(petto di pollo, di tacchino).
5 parte di un vestito che copre il petto: jeppone a unu pietto, a dduppie/dduje piette(giacca ad un petto, a doppio petto o a due petti), quando le due metà del davanti si sovrappongono sul petto. voce dal lat. pĕctu(s)→piectu(s)→piettu(s)→piétto.

46.STREGNE CCHIÚ ‘A CAMMISA CA ‘O JEPPONE

Ad litteram: Stringe piú la camicia che la giubba. Espressione che icasticamente vale: Procura piú danno un parente prossimo che un vicino, un amico, un sodale fortuito. L’espressione parte dalla considerazione che la camicia è l’indumento che, indossandosi a pelle, è quello che piú costringe il corpo e può risultare fastidioso, al contrario d’altri indumenti,come la giubba, che indossati sulla camicia non devono essere necessariamente costrittivi e fastidiosi;alla camicia son paragonati i parenti prossimi che, in quanto tali stanno quasi a contatto a pelle viva con una persona e possono arrecarle fastidio o danno, quelli che un vicino, un amico, un sodale fortuito essendo meno congiunti direttamente ed avendo, con ogni probabilità, minori rapporti e/o occasioni di coesistenza, è meno probabile che le possano nuocere o la possano danneggiare al pari di una giubba che è meno a contatto con la pelle dell’individuo; va da sé che nel novero dei parenti stretti siano da considerarsi quegli amici e/o vicini che si comportino da parenti stretti, essendo continuatamene a contatto di una persona.
cammisa s.vo f.le camicia indumento maschile e/o femminile di tessuto generalmente leggero, abbottonato sul davanti, con colletto e maniche lunghe o corte, che ricopre la parte superiore del corpo indossato il piú delle volte a pelle nuda. voce dal lat. tardo camisia(m)→cammisia(m)→ cammisa(m) con raddoppiamento espressivo della consonante nasale bilabiale (m);
Jeppone s.vo m.le giubba,giaccone, soprabito; voce dall’arabo ğubba→juppa→jeppa addizionato del suff. accrescitivo one.
47. MEGLIO A SSAN FRANCISCO CA 'NCOPP'Ô MUOLO.
Letteralmente: Meglio (stare) in san Francesco che sul molo. Id est: di due situazioni ugualmente sfavorevoli conviene scegliere quella che comporti minor danno. Temporibus illis in piazza san Francesco, a Napoli nell’edificio che era stato un convento di francescani (i monaci di sant’Anna) e successivamente la Pretura, erano ubicate le carceri, mentre sul Molo grande era innalzato il patibolo che poi fu spostato in piazza Mercato; per cui la locuzione significa: Meglio carcerato e vivo, che morto impiccato.
47bis. MEGLIO CIENTO DUCATE ô FISCO CA UNO A MASTU FRANCISCO
Meglio conferire cento ducati al fisco che uno solo a mastro Francesco; id est: meglio pagare le tasse che defungere
ducato detto a Napoli pure ‘o piezzo janco cioè d’argento o semplicemente pezza( il pezzo bianco o semplicemente la pezza fu anticamente una grossa moneta che a Napoli fu d’argento (scudo/ducato),altrove (Venezia, Milano etc) anche d’oro anticamente detta appunta piezzo o pezza;rammento che tra il 1750 ed il 1865 il ducato era moneta che valeva 436,5 lire it. mentre il grano/grana nome di una moneta di modesto valore coniata nell'Italia meridionale, Sicilia, Malta ed in Spagna.era corrispondente a 4,365 lire italiane ; la voce ducato è dalla parola lat. ducatus, incisa sulle monete veneziane del sec. XIII raffiguranti il doge, mentre il termine grano/grana è dal neutro lat. granu(m), pl. grana.
Non si ànno certezze circa l’indennità di quel tal mastu Francisco (mastro Francesco), addetto alle pompe funebri ; si tratta probabilmente d’ un tale Francesco Ingenito (i cui eredi ancóra conducono un’impresa di trasporti funebri) che tra la fine dell’’800 ed i primi del ‘900 operò in provincia di Napoli (Boscotrecase) nel campo delle onoranze funebri.

48.TENÉ ‘A CAPA A CURREDURO

Avere la testa a corridoio.Id est: essere dispersivo. Détto icasticamente e sarcasticamente di chi in cento faccende affaccendato, non ne mena in porto neppure una in quanto di indole oltre che disorganica,anche disordinata e superficiale. La locuzione mette divertitamente in relazione una testa d’un soggetto siffatto e cioè disorganico,dispersivo,disordinato, superficiale ed indolente con un corridoio di appartamento che è quell’ambiente d’una casa su cui si aprono gli usci di tutte le stanze, offrendo a chi frequenti la casa piú possibilità di direzione e/o destinazione, ma quasi in modo anodino amorfo, insulso, insignificante atteso che al corridoio è indifferente la direzione e/o destinazione che uno prenda come è indifferente al soggetto provvisto di testa a corridoio la direzione e/o destinazione che prendono le faccende di cui si occupa senza menarne in porto neppure una!
curridore s.vo m.le corridoio, passaggio, generalmente lungo e stretto, che mette in comunicazione locali diversi e sul quale si dischiudono le loro porte. voce deverbale del lat. currere servendosi del suff. di attinenza ore che continua il lat. ore(m).
49.TENÉ ‘A CIMMA ‘E SCEROCCO
Ad litteram: tenere la sommità dello scirocco Id est: essere nervoso, irascibile, pronto a dare in escandescenze, quasi comportandosi alla medesima maniera del metereopatico condizionato dal massimo soffio dello scirocco.
cimma s.vo f.le cima, sommità, la parte piú alta, l'estremità, la punta, la parte piú prestante o importante di qualcosa. voce dal lat. cyma(m) 'germoglio', dal gr. kýma 'feto, germoglio'
con raddoppiamento espressivo della consonante nasale bilabiale (m);
scerocco s.vo m.le 1 vento caldo umido che spira da sud-est, tipico delle regioni mediterranee,
2 il punto da cui spira questo vento: sud-est;
3 (per traslato come nel caso che ci occupa)nervosismo, irascibilità, irritabilità, iracondia; voce dal magrebino shuluq→ shuruq→scerocco 'vento di mezzogiorno'.


50.T’ÀGGI’ ‘A FÀ ‘A CAPA VROGNOLE VROGNOLE E N’ASTECO ARRETE Ê RINE!
Ad litteram: Devo farti una testa (piena di molti)bitorzoli ed un solaio dietro le spalle. Id est : Devo picchiarti tanto violentemente da lasciarti sulla testa numerosi e dolorosi piccoli rigonfiamenti o protuberanze e da conciarti le spalle come se ci fossero stati compattati a suon di mazzuolo i lapilli usati un tempo per rendere impermeabili i solai. Per comprendere appieno la portata di queste gravi minacce contenute nella locuzione in esame , occorre sapere che con il s.vo f.le vrognole pl. di vrognola (da un acc.vo lat. (pílula(m)) ebúrnea(m)=pallina biancastra;da eburnea→(e)burnea e per metatesi brunea con il diminutivo *brunéola donde il lat. volg. *bruniola→brunjola e risoluzione di nj→gn come in cumpagno←cumpanio/cumpanjo e ritrazione dell’accento tonico oltreché l’alternanza tipica b/v (cfr. bocca→vocca – botte→votta – basiu(m)→vaso etc.)si intende piccoli rigonfiamenti o protuberanze, bernoccoli,procurati da colpi o percosse, mentre per asteco (dal greco óstrakon = coccio) a Napoli si intende il solaio di copertura delle case, solaio che anticamente era formato con cocci di anfore e/o abbondante lapillo vulcanico ammassati all'uopo e poi violentemente percossi con appositi martelli al fine di grandemente compattarli e renderli impermeabili alle infiltrazioni di acqua piovana.Va da sé che il termine vrognole=bernoccoli è da intendersi in senso reale quale risultato di proditorie percosse dirette alla testa, l’asteco/solaio è da intendersi in senso figurato come risultato di violenti percosse indirizzate sulle spalle o la schiena in genere.
51. À TIRATO ‘A SCIAVECA oppure
STA TIRANNO ‘A SCIAVECA

Letteralmente: À tirato la sciabica oppure Sta tirando la sciabica
Ambedue le espressioni sono usate o posteriormente o nel durante ad ironico ed antifrastico commento delle azioni di chi o reduce da o operante un leggero e/o inconferente lavoro, faccia invece cialtronescamente le viste di aver condotto a termine o di star facendo una faticosa incombenza;
la sciaveca è la grossa rete a strascico munita di ampio sacco centrale ed ali laterali sorrette da sugheri galleggianti, che viene calata in mare in prossimità della battigia e poi faticosamente tirata a riva a forza di braccia dai pescatori che per poterlo piú agevolmente fare sogliono entrare in acqua fino a restare a mollo con il fondoschiena donde l’espressione: stà cu ‘e ppacche dint’ a ll’acqua id est: star con le natiche in acqua per significare oltre che lo star lavorando faticosamente anche lo star in grande miseria nella convinzione (sia pure erronea) che il mestiere di pescatore non sia mai abbastanza remunerativo.
Etimologicamente la parola sciaveca pervenuta nel toscano come sciabica è derivata al napoletano (attraverso lo spagnolo xabeca) dall’arabo shabaka da cui anche il portoghesejabeca/ga.
Pacche s. f. pl. di pacca= natica e per traslato ognuna delle piú parti in cui si può dividere longitudinalmente una mela o una pera; etimologicamente la voce è dal lat. med. pacca marcato sul long. pakka.


52. STRUJERE 'E PPRETE
Ad litteram: consumare le pietre Riferito al comportamento di chi tenga diuturnamente a piedi sempre il medesimo percorso e ne consumi quasi le pietre; per traslato e sarcasticamente riferito a chi perda accidiosamente il suo tempo, inutilmente bighellonando per istrada.
Tale comportamento viene altresí indicato con la locuzione:
jí 'ncasanno 'e vasule (andar pestando le pietre di copertura della strada).
53. -SUNNARSE 'O TRAMME ELETTRICO
Ad litteram: sognare il tram (a motore) elettrico id est: fantasticare, fare castelli in aria illudendosi di poter raggiungere un improbabile traguardo. Locuzione nata quando ancora le vetture tramviarie erano mosse dai cavalli e la sperata elettrificazione del motore era di là da venire.
54. SUNÀ 'O PIANEFFORTE
Ad litteram:suonare il pianoforte ma il riferimento del modo di dire non riguarda lo strumento musicale; attiene invece alla leggerezza di mano dei borseggiatori che le usano con lieve maestria simile a quella dei suonatori di piano.
55.T''A FAJE CU LL'OVA 'A TRIPPA.
Ad litteram: Te la fai con le uova la trippa Cosí, con ironia e sarcasmo , s’usa rivolgersi a chi si sia cacciato nei guai o si sia posto in una situazione rischiosa, per salacemente commentare la sua ingrata necessità di adoperarsi, in qualche modo,  per venir fuori dalla ingrata situazione in cui si sia infilato; come se si volesse consigliare chi fosse costretto a cibarsi del quinto quarto, a renderlo piú appetibile preparandolo con delle uova.
56.TENÉ 'O CUORIO A PPESONE
Ad litteram: avere le cuoia a pigione id est: essere costretti a vivere a rischio continuo, in modo precario, nelle mani della malasorte, in un clima di continua incertezza, come chi - non essendo proprietario di alloggio, sia costretto a prenderne uno in pigione al rischio di vedersi improvvisamente messo fuori dal proprietario. Con il s.vo cuorio (dal lat. cŏriu(m)→cuorio si intende anche in italiano 1 pelle di animale conciata in fogli spessi e semirigidi, per la confezione di oggetti d'uso: borsa, scarpe di cuoio
2 (estens.) pelle dell'uomo: cuoio capelluto; avere il cuoio duro, essere resistente, duro a morire; tirare, stendere le cuoia, morire.
57 -TENÉ 'O FFRÀCETO 'NCUORPO
Ad litteram: avere il fradicio in corpo id est: portarsi dentro, tentando di non appalesarle, ingenti carenze intellettive o morali, o - piú spesso - pessime inclinazioni; va da sé che ci sia poco da fidarsi di chi abbia tali carenze o inclinazioni.
58 -TENÉ 'O PIZZO SANO MA 'A SCELLA ROTTA
Ad litteram: avere il becco integro ma l'ala rotta Détto ironicamente di chi sia sempre pronto a prendere, ma accampi scuse per esimersi dal dare. Al di là del significato traslato, la locuzione si riferisce in primis a chi sia sempre pronto a mangiare ma sia restío a lavorare adducendo il pretesto di avere un arto fuori uso.
59 - TENÉ 'E PPEZZE
Ad litteram: avere le pezze id est: essere ricco, disporre di molto danaro, atteso che qui il termine pezza non sta a significare: straccio, ma (come ò già détto antea sub 16) appunto una moneta; rammenterò a completamento di quanto già détto, che al tempo dei Borbone, nel Reame di Napoli la pezza era il ducato, ben identificata, grossa moneta d'argento détta anche piastra del valore di ben 15 carlini; essere in possesso di tante piastre o pezze significava essere ricco assai.
60. -TENÉ 'E FRUVOLE PAZZE 'INT' Ô MAZZO
Ad litteram: avere le folgori pazze nel sedere Riferito soprattutto a ragazzi irrequieti e chiassosi, recalcitranti ai freni ritenuti titolari di folgori pazze [tipo di fuochi artificiali] allocate nel sedere, che con il loro scoppiettío, costringono i ragazzi a non stare fermi e ad agitarsi continuamente. . Letteralmente 'e fruvole sono i fulmini, le folgori dal latino fulgor con rotacizzazione e successiva metatesi della elle ed alternanza di g con v come in gallo→vallo – volpe→golpe – gunnella→vunnella – gallina→vallina;
Brak